Adam di Notion Ink, un primo tablet con schermo Pixel Qi

Di Adam se ne parla praticamente da un anno quando con la presentazione ufficiale al Consumer Electronic Show di LasVegas del 2010 spuntarono in rete i primi video.

Ne riparliamo oggi perchè, pur essendo un tablet a tutti gli effetti, è finalmente in vendita e, tra le versioni disponibili, figurano anche quelle con lo schermo Pixel Qi di 10.1 pollici (in breve, uno schermo Pixel Qi è un LCD non retroilluminato).
Le caratteristiche tecniche sono molto interessanti, a livello di un netbook per quanto riguarda scheda grafica, memoria ed espandibilità in generale. Il sistema operativo è una versione personalizzata di Android (sembra la 2.3) con parecchie applicazioni integrate e sviluppate direttamente da Notion Ink. Non c’è il supporto, almeno per ora, del market store ufficiale Android, perché, secondo il CEO Rohan Shravan, le applicazioni in esso presenti non sono ancora espressamente indicate per i tablet (e in effetti molte applicazioni oggi scaricabili dal marketplace sono pensate per gli smartphone Android quindi per device con schermi di 3.7 o 4.3 pollici).

Può essere usato come ebookreader ? E’ presto per dirlo. Lo schermo Pixel Qi è stato costruito per rendere fruibili i contenuti anche in ambienti particolarmente luminosi o all’aperto ma non è inchiostro elettronico. Oltre a qualche lecito dubbio sulla leggibilità, che verrà dipanato solo con le prime prove hands-on, ci sono le solite limitazioni dovute a peso, durata limitata della batteria, prezzo (anch’esso da netbook) e affidabilità, tutta da conquistare sul campo, della Notion Ink, produttore indiano alla prima esperienza in questo settore.

Vantaggi ? Sicuramente la flessibilità di utilizzo (come per l’EA800 di Asus) che potrebbe ingolosire studenti e professionisti, potenza, velocità nel cambio pagina, riproduzione di video, espandibilità oltre a tutto quanto strettamente collegato alle applicazioni del mondo Android e, in internet, ai servizi cloud.

Tra i modelli con lo schermo Pixel Qi, Il prezzo della versione base con il Wifi è di 500 dollari, mentre per avere anche il modulo di telefonia 3G si dovrà spendere ulteriori 50 dollari.

Qui sotto lo potete vedere in una demo

Per informazioni: www.notionink.com (website della società) – http://notionink.wordpress.com/ (il blog) – http://www.notionaddicts.com/ (Notion Addicts Forum)

Tags:
Trovato questo articolo interessante?
Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche di Google. Diffondere contenuti che trovi interessanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

2 Commenti

  1. Io lo sto aspettando da un pò! Anche se sono un fortunato possessore di un Sony PRS 650 che uso da un mese con grande soddisfazione, se l’Adam dovesse rispettare le promesse di leggibilità in ambiernti difficili che il display Pixel Qi vanta, data l’estrema flessibilità e varietà di usi sarà per me una scelta possibile per avere un solo device di intrattenimento e produttività da portarsi appresso. Aspetto di poterlo testare e tastare.

  2. Pingback: Adam Notion Ink a confronto con Kindle e Pandigital Novel | eBookReader Italia