Come ti creo lo schermo illuminato del Nook Touch GlowLight

Vi ricordate come è fatto un ebook reader? Lo avevamo visto in un post circa un anno fa, quando prendendo spunto da un articolo di TechRepublic avevamo spiegato in rapida successione tutti i componenti di un Nook Touch prodotto da Barnes&Noble.

Forte del successo di quel dispositivo e volendo anticipare le mosse di Amazon, Barnes&Noble recentemente ha presentato una nuova versione del Nook Touch con schermo illuminato chiamata Nook Touch with GlowLight.

Ma qual è la magia che illumina lo schermo a inchiostro elettronico e che consente al proprio utilizzatore di leggere al buio o in condizione di scarsa illuminazione ambientale?

Si prende un Nook Touch, si attacca una speciale pellicola sopra lo schermo e si condisce il tutto con una spolveratina di micro-luci (led) posizionate intorno allo schermo. Il Nook Touch GlowLight è pronto.

Stiamo scherzando? Sì, ma non troppo, perché lo schermo illuminato del nuovo Nook funziona quasi in questo modo. Ce lo dice il team di iFixIt che ha smontato pezzo per pezzo il nuovo lettore di Barnes&Noble con l’obiettivo di esaminarne i componenti.

iFixIt ha scoperto che oltre agli otto led equamente distanziati e posizionati nella parte superiore dello schermo (e non intorno allo schermo come abbiamo scherzosamente scritto prima), Barnes&Noble ha lavorato sulla superficie dello schermo creando una speciale pellicola (griglia di diffrazione), invisibile all’occhio umano, la cui funzione è quella di disperdere in modo uniforme sullo schermo i fasci luminosi prodotti dalle otto piccole luci.

Nella foto che segue vediamo appunto gli otto led posizionati sul bordo superiore dello schermo a inchiostro elettronico.

La posizione degli 8 led nella parte superiore dello schermo

La recensione di iFixIt continua poi con l’analisi di tutte le parti che compongono il Nook Touch GlowLight, ma noi ci siamo soffermati qui su questa unica differenza tecnica che differenzia il modello con Glow rispetto al dispositivo che lo ha preceduto e che è tutto’ora in commercio negli Stati Uniti.

Tags:
Trovato questo articolo interessante?
Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche di Google. Diffondere contenuti che trovi interessanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

One Comment

  1. Automaticjack says:

    Chiedevo una conferma ai possessori: ho letto in alcune recensioni che questo sistema di illuminazione, proprio per l’uso della pellicola, rende lievemente meno intenso il nero dei caratteri rispetto al Nook normale; inoltre, l’illuminazione, renderebbe ben visibili quei piccoli graffi che si creano inevitabilmente sulla superficie dello schermo (che altrimenti non si noterebbero) rendendo indispensabile proteggerlo con custodie o altro.
    Grazie.