L’ebook, questo splendido 40enne

Oggi l’ebook compie 40 anni. Uno splendido quarantenne che non ha ancora finito di definirsi pienamente nella sua personalità e quasi stenta a dirsi adulto.
Era il 4 luglio del 1971 e Michael S. Hart, in occasione della festa dell’indipendenza americana, trascriveva sul suo computer la Dichiarazione di Indipendenza per poi permetterne lo scaricamento in Rete. Così quel documento firmato nel 1776 veniva nel XX secolo reso disponibile a chiunque si affacciasse in Rete e poteva ben dirsi il primo ebook della storia. Fu quello inoltre il testo d’avvio del Progetto Gutenberg per la diffusione gratuita di opere letterarie in Rete.
L’ebook a quarant’anni dalla nascita sta ancora definendo il suo paradigma e i suoi standard.
Ne ripercorriamo allora qui le date salienti perché rivisitarne la storia ci rende anche più consapevoli dell’oggi e dei passi futuri da fare.

Gli anni più importanti sono proprio quel 1971 che diede l’inizio al libro elettronico e poi il 2004 quando l’inchiostro elettronico, inventato da Joe Jacobson nel 1996, ebbe la sua prima applicazione su un lettore elettronico in commercio. Non dimentichiamo che se grandi player come Sony, Amazon & BigG hanno iniziato a interessarsi all’ebook è perché la nuova tecnologia dell’e-paper ha fatto intravedere un mercato nuovo: lo schermo Lcd in questi 40anni non ha permesso che il lettore trovasse gradevole leggere un testo su uno schermo. Con i display a inchiostro elettronico invece il discorso è diverso e leggere per ore si può. Insomma, l’«anno zero» per l’ebook è stato proprio il 2004 e l’arrivo dell’inchiostro elettronico.

Abbiamo cercato di tracciare una cronologia che guardasse agli Usa e al Giappone, dai quali non si può prescindere, ma ritagliasse una visione sull’Europa e sull’Italia, perché quelle sono le realtà a cui normalmente diamo spazio nel blog.
Consapevolmente tralasciamo date e nomi degli editori che hanno presentato per primi un’offerta di ebook oppure anche gli annunci riguardanti gli store di contenuti (iBooks, Google Editions). Terminiamo invece con l’ingresso dell’iPad perché è quella certo un’altra data di discrimine per il mondo dei contenuti digitali.
La cronologia, s’intende, non è esaustiva e nei commenti potete intervenire se qualche data davvero miliare la si è qui dimenticata.
Allora, buon percorso a ritroso nella storia e buon compleanno ebook!

1971 USA – È l’anno preso a simbolo per la nascita dell’ebook. Il 4 luglio 1971 Michael S. Hart digitalizza la Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti, che diverrà il primo testo elettronico scaricabile in Rete e segnerà la nascita del Progetto Gutenberg, la biblioteca digitale che si propone di diffondere in forma elettronica opere letterarie in domino pubblico e gratuitamente.
1993 USA – Adobe lancia il PDF.
1994 ITALIA Nasce il Progetto Manuzio, prima biblioteca digitale in lingua italiana.
1995 USA – Amazon inizia a vendere libri a stampa via Internet
1996 USA – Joe Jacobson inventa la nuova tecnologia e-ink o e-paper. Fonda la società E-Ink, che negli anni successivi diverrà leader di settore nella produzione di schermi a inchiostro elettronico.
1998 USA – Kim Blagg ottiene l’attribuzione del primo codice ISBN per un eBook
1998 USA – Sul mercato arriva la prima generazione di ebook reader (che utilizza ancora la tecnologia Lcd retroilluminata): Rocket Ebook e SoftBook
1999 CANADA – Open Ebook Forum rilascia il primo standard per ebook
2000 GIAPPONE – Vengono lanciati i primi ebook per cellulare
2001 EUROPA – In Francia esce da Cytale l’ereader Cybook
2004 GIAPPONE e USA – Vengono presentati i primi prototipi di schermo a inchiostro elettronico.
2004 GIAPPONE – È l’«anno zero» per l’e-paper: la Sony presenta il primo ebook reader a e-ink LIBRIé
2005 USA – Amazon acquista Mobipocket
2006 EUROPA – Il primo ebook reader con schermo e-ink messo in commercio in Europa è iLiad, progetto di iRex Tecnologies, una spin-off della Philips
2006 USA – Sony mette sul mercato Sony PRS 500
2006 ITALIA – Viene fondata Simplicissimus Book Farm, che si occupa della distribuzione di ebook reader in Italia.
2007 USA – Amazon lancia sul mercato Kindle
2007 EUROPA – Bookeen presenta il lettore Cybook Gen3
2008 EUROPA –  Sony lancia il Sony Reader PRS-505 in UK e Francia
2009 USA – Amazon arriva sul mercato con il Kindle 2 ed il Kindle DX
2009 USA – Barnes & Noble lancia il lettore Nook
2010 USA – Amazon lancia il Kindle DX International Edition
2010 USA – Apple presenta sul mercato l’iPad
2010 ITALIA – Sulla scia di Stealth, la prima piattaforma di distribuzione ebook italiana, sorgono BookRepublic, Edigita, Biblet e una costellazione di ebookstore di libri elettronici in italiano.

Fonti:
Valerio ELETTI, Alessandro CECCONI, Che cosa sono gli e-book, Carocci, Roma, 2008.
E-book: il mercato, i device e gli standard di produzione, a cura di Cristina Mussinelli e Alessandro Cecconi, AIE-Ediser, Milano, 2009.
http://it.wikipedia.org/wiki/EBook
http://it.wikipedia.org/wiki/EBook_reader

Tags: , ,
Trovato questo articolo interessante?
Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche di Google. Diffondere contenuti che trovi interessanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

11 Comments

  1. massimo 1963 says:

    Premetto che io non ho ancora un e-reader (ma lo prendero’ presto!), credo che fra tutte le date la data fondamentale sia proprio il 1996 (invenzione dell’e-ink ).
    IL prezzo dell’hardware si abbasserà e immagino succederà quello che è successo nell’editoria con l’mp3 : un sfacello. Molti anni hanno ancora una visione “romantica” e giurano che rimarranno fedeli al cartaceo ma l’e-reader promette ( e l’informatica spesso ha mantenuto) talmente tante cose che molti credo cambieranno idea.
    Penso a quando mi leggero’ di Eco zeppo di citazioni e con pochi click avrò sottomano la voce relativa nell’ enciclopedia, oppure ( e questo mi sembra straordinario) mi leggerò una storia della letteratura del 600 e in pochi secondi ho sotto gli occhi L’OPERA COMPLETA (!!!) dell’autore in questione.
    E i viaggi all’estero? il momento piu’ drammatico è sempre stato quello della scelta dei libri da mettere in valigia, ora? Ora mi metterò a ridere!
    E gli studenti di lingue e letterature straniere? Specie nell’Europa dell’Est c’era (ora che ci conoscono…interessiamo un po’ meno.. sigh) una forte richiesta di letteratura cultura e italiana e gli studenti dovevano fare dei salti mortali per avere delle edizioni decenti. D’accordo che leggere Calvino nei Supercoralli è un’altra cosa ma gli amici slovacchi ( alla tv stava passando un’immagine del calciatore Hamsik!) se ne faranno una ragione.
    All’epoca del cd alcuni prevedevano la dispersione dell’enorme patrimonio inciso su vinile ma la digitalizzazione ha comportato l’esatto contrario: una straordinaria messa in circolazione di materiale che da decenni era sepolto nella polvere. Ora tutti con poco sforzo avranno a disposizione un’enorme biblioteca ( certo…gli e-book bisogna leggerli non basta scaricarli!)
    Come con la musica, non sarà un passo in avanti da tutti i punti di vista. Se nella musica l’alta fedeltà interessa sempre meno ( vi ricordate quanti negozi c’erano con amplificatori, finali di potenza, sintoamplificatori?) e pur di avere la flash card zeppa molti comprimono i brani con un bit rate oltraggioso, con gli gli ebook molti si accontenteranno delle versioni basic delle opere scaricabili in pochi secondi senza uno straccio di prefazione o introduzione (che talvolta hanno importanza fondamentale)e magari gli editori proprio da là incominceranno ad economizzare.

    • elena asteggiano says:

      massimo 1963 hai sollevato molti temi e certe previsioni sono condivisibili. l’inchiostro elettronico davvero ha fatto parlare nuovamente di ebook e negli ultimi anni le migliorie tecniche dei lettori fanno sperare che molte promesse si avverino.
      certo, il lato oscuro è proprio nel rischio di non saper distinguere la qualità: come dici tu usciranno molti libri in formato ebook senza apparati fondamentali come prefazione, indice delle cose notevoli o dei nomi, note critiche. e il lettore meno accorto potrebbe non accorgersi che c’è differenza tra un classico zeppo di refusi e lo stesso classico presentato con commento critico. per questo è necessario che ognuno di noi come lettore di ebook cerchi di monitorare quanto esce e condividere eventuali sue perplessità (certo documentate) in Rete, perché lì ci sarà lo spazio per essere lettori critici.

  2. Pur essendo tutt’altro che giovane, sono d’accordo con quanto scritto da Massimo.
    Ritengo gli ebook reader un’ottimo strumento.
    Dovrebbero essere fatti essenzialmente per leggere bene libri giornali e riviste nel migliore dei modi e con la giusta velocità e comodità nell’esecuzione dei comandi e essere letti in tutte le condizioni di luminosità esterna, sia in presenza di luce solare, sia dove la luce è praticamente nulla, e aggiungo, possibilmente resistente ad urti e cadute da altezze anche superiori al metro (può capitare) ed eventualmente (come alcune fotocamere) non danneggiati da eventuali impatti con acqua, polvere, sabbia.
    Che poi ci sia la connettività veloce, l’agenda, il traduttore multilingue, la possibilità di disegnare, vedere foto o filmati e tante altre belle utilità, sono cose ottime, ma in aggiunta all’uso principale, che è quello di leggere libri, giornali e riviste.
    Praticamente dovrebbero esserci due tipologie di ebook: uno, solo per leggere al costo molto (ma molto) contenuto. Ed un altro tipo di gran lunga più versatile e potente ad un prezzo più alto. Entrambi da leggere in qualsiasi condizioni.

    • elena asteggiano says:

      giuseppe, sì, gli ereader sembrano macchinari nati per sottrazione: non navigano (a parte un po’ di wifi o 3G mirato a scaricare libri), non sono veloci, non hanno il colore (solo per ora, badate bene), non fanno le foto, non telefonano, non… fanno il caffè.
      se ognuno di noi dovesse elencare le caratteristiche del suo ereader ideale, finirebbe per fargli fare di tutto.
      ma una cosa è certa, come dici tu, il loro compito è leggere libri, giornali e riviste. e l’e-ink lo fa egregiamente.
      non sarebbe poi male che le case produttrici prendessero spunto dalle tue proposte di un ereader basic a low cost che fondamentalmente LEGGA e altri ereader multifunzioni più costosi che leggano sì, ma insieme permettano di FARE ALTRO.

  3. Nome (obbligatorio) says:

    Elena, mi è piaciuto molto leggere il tuo articolo. Continua così, ciao monica

    • elena asteggiano says:

      grazie monica :-)
      allora passaparola (e link) agli amici in modo che leggano il blog anche loro.
      bye

  4. Buongiorno finalmente, stupenda idea l’ebook!!!! vorrei che si deffondesse e che le biblioteche si attivassero ovunque anche a Roma!!!! soluzione a problemi ecologici, di spazio nelle case, di peso all’università, a scuola e in viaggio!!!!
    MA…

    SCUSATE AIUTO COME SI FA A COMPRARE UN EBOOK ONLINE?
    DOWNLOAD SI INTERROMPE NESSUNO SA NIENTE!!!!
    La settimana scorsa HO COMPRATO UN EREADER ma non riesco a comprare ebook (file) sui negozi online come si fa Il mio ereader è un sony prs 350 pocket edition, l’ho registrato, ho creato l’id abdobe, la reader library, creato collegamento sul desktop della cartella del’ereader, disattivato i popup
    come antivirus ho avast inpedisce download?

    potereste aiutarmi???? grazie

    nessuno sa niente neanche i centriassistenza dei negozi online, le librerie che online vendono i libri, i pochi venditori di ereader assurdo!!!!
    Barbara

    • Simone Bonesini says:

      ciao Barbara, sembrerebbe che il problema dipenda dal tuo PC.
      Generalemente la procedura di acquisto è semplice: dopo essersi registrati sul sito della libreria online si individua l’ebook aggiungendolo al carrello e si finalizza l’acquisto pagando con carta di credito.
      Successivamente si può scaricare l’ebook che deve essere trasferito sul dispositivo (almeno nel caso del tuo PRS350)
      Se il download si blocca potrebbe dipendere dall’antivirus ma Avast con le impostazioni predefinite non blocca i download (lo uso pure io).
      Riesci a provare da un altro PC ? oppure, potresti installare sul tuo PC un browser diverso (esempio Google Chrome o Safari) e ripete la procedura con questo.
      Per prima cosa però, se non l’hai ancora fatto, contatta il servizio clienti del sito dove hai acquistato l’ebook.

  5. Grazie Simone ci proverò!!!
    Può dipendere da windows vista?

    Oggi un amico a nome suo dal proprio computer ci è riuscito!!!

    Io avevo fatto 2 tentativi in due librerie diverse l’amico ha verificato che in un caso avevo commesso errore di digitazione: ho digitato male la mail in fase di registrazione nella stessa sessione ho tentato l’acquisto dell’ebook ma non ho potuto più accedere alla finestra di dialogo del download in corso sise ne aggiungeva un altra che mi diceva che l’ebook non sarebbe stato salvato nella cache della cartella dell’ereader ma si è preso i soldi certo 5 euro e ha scalato i download disponibili…I fumi!!!!
    Nell’ altro tentativo di acquisto nessun avviso scalati download e soldi l’c'è in tl per i problemi tecnici ma l’operatore non èriuscito ad aiutarmi mi ha detto che il libro su 3ds max 2012 pocket è troppo pesante scegli un altro libro, mi ha fatto un buono nel borsellino virtuale ma se scelgo un libro e pago col borsellino virtuale non accade nulla!!!! nessuno sa niente appunto grazie di cuore scusa lo sfogo!!!! grazie Barbara

  6. Pingback: Segno più per l’ebook: Ebookfest Sanremo 25-27 ottobre 2012 | eBookReader Italia

  7. Pingback: Segno più per l’ebook: Ebookfest Sanremo 25-27 ottobre 2012 | Istituto Zooprofilattico Sperimentale