Il computer racconta se stesso

A proposito del XX secolo in un’intervista a Rita Levi-Montalcini venne chiesto da Concita De Gregorio:
«Qual è stata a suo parere la più grande invenzione o scoperta del secolo? Un farmaco? Uno strumento di diagnosi?».
Rita Levi-Montalcini rispose: «Ma no, è stata senza dubbio Internet. L’informatica. I nuovi Magellano dell’era digitale. La comunicazione globale. Ma come mai mi chiede questo, lei non usa Internet?».
Ecco perché per comprendere il senso della storia tecnologica del Novecento vi segnaliamo un appuntamento a Verona il 18 giugno, un convegno che fa il punto sulle collezioni storiche di informatica in Italia. Il computer racconta se stesso è presso l’Università di Verona – Dipartimento di Informatica (Strada le Grazie 15, 37134 Verona). La partecipazione è libera e gratuita, previa iscrizione a questo link. Di seguito potete prendere visione del programma.

.

Programma

09:30 Registrazione

10:00 Benvenuto

V. Manca, Dipartimento di Informatica dell’Università di Verona

10.15 I musei italiani dell’informatica: un’indagine

S. Hénin e l. Cerri, Gruppo di Lavoro Storia Informatica, AICA

10:30 Raccogliere le testimonianze (personali) del passato

G. Allaira, Associazione Casa Museo Famiglia Allaira, Castellamonte (TO)

10:45 Mateureka: primo museo di Informatica in Europa

R. Baldoni, Mateureka (Pennabilli)

11:00 Quando il software era l’esperienza… I calcolatori prima del circuito integrato

M. Belardi e S. Rizzuto, Museo del Calcolatore “Laura Tellini” dell’Istituto Tecnico Dagomari di Prato

11:15 Come si viveva l’informatica in Italia, raccontata dai protagonisti

E. Bellussi, MUPIN (Torino)

11:30 A proposito di collezionismo: un esperimento di collaborazione tra pubblico e privato

C. Bonfanti, PSIC (Trieste)

11:45 Dai cataloghi alla conoscenza, un contributo da informatici alla storia dell’informatica

G. Cignoni, Progetto HMR (Pisa)

12:00 Software, l’anima spesso invisibile del retrocomputing (intervento video)

F. Pescatore, Storia Informatica (Paternopoli)

12:15 Discussione

 

.

12:30 pausa pranzo

.

13:30 Retrocomputer Club Italia – consuntivo e progetti del primo tentativo di aggregazione

P. Cognetti, 1977-1987 (Roma)

13:45 Da zero ai laboratori didattici per tutti (abili e diversamente abili)

M. Cristanini, Museo dell’Informatica, Università di Verona

14:00 Le collezioni documentarie

F. Gadducci, Museo degli Strumenti per il Calcolo (Pisa)

14:15 I maker prima dei maker: dall’autocostruzioni alle comunità di pratica nell’epoca d’oro

M. Galluzzo, IUAV (Venezia)

14:30 Uso didattico delle (vecchie) macchine da calcolo nella scuola primaria

U. Quadri, Museo didattico del computer (Bassano Bresciano)

14:45 Salvare: cosa, perché, come, quando

A. Rubinelli, Fondazione Museo del Computer (Camburzano)

15:00 Il mercato del videogioco: Il caso Italiano

C. Santagostino, Retrocampus (Rovato)

15:15 Conclusioni e discussione

16:00 Chiusura lavori

.

Tags: , ,
Trovato questo articolo interessante?
Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche di Google. Diffondere contenuti che trovi interessanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

Comments are closed.