Il txtr beagle: quando uno smartphone dà vita a un lettore ebook

Il txtr beagle è l’ebook reader a inchiostro elettronico che passerà alla storia (almeno per il momento) e se ne parla in Rete da settimane per il prezzo più basso in assoluto: 13 dollari.

La sua essenza più vera però è essere un modello basico per eccellenza, senza wi-fi, senza touch, né si parla certo di HD o di illuminazione frontale, insomma senza vanto di grandi pretese software e hardware. Nella confezione di vendita vi danno anche le 2 pile AAA che servono per alimentarlo. Non vi porterete dietro neppure tutta la vostra collezione di ebook, non è questo il suo uso: nella sua memoria ci terrete a disposizione al massimo 5 libri elettronici.

Oltre alla sua “basicità” il txtr beagle ha una caratteristica che lo proietta sul futuro: come ereader non consiste in se stesso cercando prestazioni da primato, ma visto che la vita degli ereader sono i contenuti, in tutto e per tutto prenderà il suo soffio vivente dal vostro smartphone perché viene alimentato per i suoi ebook dagli invii bluetooth fatti da uno di quei cellulari intelligenti che ormai sono basi viaggianti di dati e repository di app e contenuti digitali nelle loro varie forme (mp3, foto, testi).

Le caratteristiche tecniche le trovate nella scheda prodotto (vi rendiamo disponibile quella del sito USA; cliccate per ingrandire):

Il produttore txtr è una casa tedesca con sede a Berlino. Il prezzo del beagle è stato reso così basso grazie al fatto che è sovvenzionato dalle compagnie telefoniche, che mirano a offrire insieme ai loro smartphone ultima generazione anche l’ereader a inchiostro elettronico, quale completamento ideale di una lettura che per app, web e infotainement passa su smart, ma per romanzi e contenuti a “lettura prolungata” richiede necessariamente l’inchiostro elettronico di un ereader.

Se andate sui siti txtr vedrete che questo minuto ereder fa parte di un’idea a tutto tondo di digitale che comprende app store (per soli dispositivi Android) e catalogo ebook.

Piccolo, pratico, l’unico lusso che si permette il txtr beagle è la gamma di colori delle sue vesti, che lo inscrivono tra gli oggetti belli e un poco di tendenza che non possono mancare in borsa o nello zaino. E a differenza di altri ereader – che trattate come creature – questo potrete permettervi di prestarlo anche ai vostri bambini, senza grandi patemi. ;-)

 

 

Tags: ,
Trovato questo articolo interessante?
Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche di Google. Diffondere contenuti che trovi interessanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

22 Comments

  1. In mano ai bimbi si, ma allora sarebbe meglio che li facessero con lo schermo infrangibile (in plastica) !
    Resta comunque un prodotto interessante, utile per stimolare alla e-lettura i più pigrotti… ma perchè lo hanno “vincolato” agli smartphone con Android ??
    Non ci sono soluzioni tecnologiche alternative ?

  2. The_ugly_man says:

    Interessante davvero.
    Un ottimo modo per sfruttare la diffusione di un SO per la vendita di contenuti.

  3. Ottima iniziativa: in molti saranno spinti a provare. Vista la praticità di un ebook reader, non potranno che fare il salto e puntare a dispositivi più evoluti. L’importante è arricchire il parco utenti degli ebook, a prescindere dal dispositivo, affinché il mercato si adegui e diversifichi.

    • proprio cosi’ patrizio, in questo momento serve far conoscere a chi magari legge ebook sullo smart che cosa significhi invece leggere su epaper. L’ inchiostro elettronico quando lo incontri non lo abbandoni piu’. E per avvicinarsi all’e-ink va benissimo un lettore di basa che costi poco, sara’ poi l’affinarsi dell’uso che portera’ a scegliere dispositivi piu’ “prestanti”.

  4. Interessante ma non ho capito una cosa… 4 Gb di memoria a posso tenere solo 5 libri?

    • Infatti, secondo me, considerando il prezzo, si sono sbagliati nell’indicare la memoria, direi che sono 4 MEGABYTES.

  5. Non e’ un ebook reader, sfoglia solo le “foto” di pagine che l’app confeziona elaborando l’ebook sul vostro smart. Essendo immagini, i caratteri non saranno ridimensionabili nel txtr e questo spiega anche il perche’ di pochi ebook contenibili nel dispositivo.

    • sì, l’app renderizza il file, cioè crea un’immagine e la invia al beagle. Il rendering può dar vita a file che impegnano molta della capacità di memoria, da questo forse dipende il fatto che il beagle possa contenere solo 5 ebook.

  6. Mi associo alle domande, ma come si caricano i libri? Solo via Bluetooth, oppure il bt serve per superare lo scoglio di 5 libri? Non è chiaro. E poi lo venderanno anche da solo?

  7. Veramente molto interessante. mentrec’è chi pensa che un ebook reader debba essere fatto così

    http://www.fantascienza.com/magazine/notizie/16993/ebook-apple-all-attacco-col-nuovo-ipad-mini/

    • nox in effetti l’editoria sta andando molto in direzione dei retroilluminati, nel senso che molti ebook vengono pensati come sfogliabili su iPad o altri tablet. Non da ultimo la lettura sugli smartphone è diffusissima (anche perché molto immediata: mi trovo in coda o in attesa dal medico e per non annoiarmi leggo sul device che di certo ho con me).
      Per questo – e vi apro a una novità in corso di studio per il blog – anche eBookReaderItalia.com cercherà di avvicinare questi lettori su lcd, perché molti di loro non sanno davvero quanto sia diverso leggere invece che su un tablet su un ereader e-ink. I modi e i tempi ve li sveleremo più avanti. Insomma, l’intento è non erigere mai barricate contro i tablet ma cercare invece di lavorare a favore della lettura… e, certo, del confort visivo. :-)

      • Sono possessore di un Asus Trasformer, da cui vi sto scrivendo, e di un Kindle Touch. Anche se occasionalmente uso il tablet per leggere, soprattutto documenti pdf, non è assolutamente paragonabile all’esperienza di lettura dell’eink del lettore ebook. Senza contare il fattore peso, autonomia e trasportabilità.
        Non finirò mai di ringraziavi per avermi fatto conoscere il mondo degli e-reader.

        • e nox, da utente di tablet come eri finito sul nostro blog? perche’ avvicinare chi legge su lcd non e’ semplice per un blog dedicato all’ e-ink come noi.

          • Il tablet è uno strumento di lavoro, la passione per la lettura richedeva un mezzo più idoneo.

  8. Max, non se ne sa molto di più delle notizie che girano in Rete, gli ebook vengono caricati via bluetooth e su pc, e la app per lo smartphone per il momento è solo per Android.
    Per la vendita dovrebbe viaggiare abbinato a smart, ma può essere ci siano varianti legate al territorio, in base alla rispondenza che la txtr incontrerà con le compagnie della telefonia locali.

  9. Il prodotto è interessante.
    Ritornando invece su un vantaggio che ha l’ebook reader in generale, è la caratteristica non trascurabile che si può leggere agevolmente anche sotto la luce diretta dei raggi solari. Cosa questa, che io sappia, non credo si possa (o non ancora) fare con tablet e smartphone (salvo particolari e costosissimi prodotti).

  10. Interessante, soprattutto il prezzo! Sarà possibile cambiare la dimensione dei caratteri? Il dizionario in Italiano è compreso? Quando sarà disponibile in Italia e dovre potrò acquistarlo?

    • Il dizionario di solito è una dotazione che hanno ebook reader più avanzati, in questo lo escluderei.
      Personalizzazione dimensione carattere e date di uscita in Italia per ora non si sanno.

  11. Pingback: In Rete una videorecensione del Txtr Beagle | eBookReader Italia

  12. Vincenzo says:

    salve,vorrei sapere se e dove fosse possibile acquistare questo lettore. grazie a tutti