Kindle PaperWhite: le prime recensioni americane svelano il nuovo ereader di Amazon

Come annunciato, ieri 1° ottobre sono iniziate negli Usa le consegne del Kindle PaperWhite che Amazon ha presentato a inizio settembre.

I grandi siti americani dedicati ai gadget tecnologici si sono subito affrettati a pubblicare le prime recensioni e commenti a caldo sul nuovo ebook reader che, lo ricordiamo, ha uno schermo a inchiostro elettronico da 6 pollici dotato di illuminazione frontale. Abbiamo avuto modo di vedere che cosa significa illuminazione frontale e la differenza tra questa e la retro-illuminazione tipica di tablet e smartphone.

Teniamo a ribadire queste differenze di illuminazione perché, nonostante in queste settimane si sia tanto parlato in Rete del nuovo Kindle PaperWhite (Amazon non ha certo difficoltà a far parlare di sé ;-) ), ancora oggi frequentatissimi quotidiani online italiani spacciano il Kindle PaperWhite come retro-illuminato. Kindle PaperWhite non è retro-illuminato, come pure non legge ePub nativamente.

Chiarito questo punto, torniamo oltreoceano.
Engadget, The Verge e GizModo sono tutti concordi nell’affermare che lo schermo del Kindle PaperWhite è un notevole passo avanti non solo rispetto agli altri lettori a inchiostro elettronico delle famiglia Kindle, ma anche rispetto al Nook Touch Glow: a confronto il PaperWhite offre una distribuzione della luce più uniforme sull’intera area di lettura.

Il contrasto pare migliore anche quando l’illuminazione è spenta. L’illuminazione sembrerebbe essere confortevole anche in condizioni di normale utilizzo del dispositivo e non solo con scarsa luce nell’ambiente circostante. I caratteri, meglio definiti, sono frutto dell’ottimizzazione di Amazon (di cui beneficia anche il Kindle “base” venduto a 79 euro) e della risoluzione dello schermo che è maggiore rispetto agli altri Kindle.

Ci soffermiamo un momento sulla risoluzione dello schermo.
Abbiamo messo a confronto il Kindle “base” e il Sony PRS-T2 con l’iRiver HD Story, il primo ereader che uscì con display ad alta risoluzione.
Lo schermo dell’iRiver HD Story ha una risoluzione pari a quella del Kindle PaperWhite (768×1024 pixel), superiore a quella degli altri due dispositivi (600×800 pixel).

Probabilmente dalle nostro foto non è così evidente come da un’osservazione diretta, ma la maggiore risoluzione dell’iRiver HD Story consente una lettura abbastanza confortevole anche con un carattere molto piccolo perché non risulta “pasticciato” ma sempre nitido e ben definito.

Le foto qui pubblicate (e che potete trovare in alta risoluzione sulla nostra pagina Google+) sono state scattate su tutti e tre di dispositivi con il carattere predefinito e corpo minimo (notare come la quantità di testo presentata dall’iRiver sia superiore rispetto a quella di Sony e Kindle “base”).

iRiver Story HD: visualizzazione di testo con il corpo carattere più piccolo

iRiver Story HD: visualizzazione di testo con il corpo carattere più piccolo

iRiver Story HD e Kindle "base": visualizzazione di testo con il corpo carattere più piccolo

iRiver Story HD e Kindle "base": visualizzazione di testo con il corpo carattere più piccolo

Sony PRS-T2: visualizzazione di testo con il corpo carattere più piccolo

Sony PRS-T2: visualizzazione di testo con il corpo carattere più piccolo

Nel momento in cui scriviamo gli unici ebook reader in vendita con una risoluzione di 768×1024 pixel sono il Kindle PaperWhite e il Kobo Glo, che arriverà in Italia a partire da metà ottobre grazie alla partnership che il produttore canadese Kobo ha stretto con il gruppo editoriale Mondadori.
Kobo Glo costerà al pubblico 129 euro. Kindle PaperWhite è in vendita (per adesso solo negli Usa) a 119 dollari nella versione con pubblicità (special offers) e 139 dollari senza inserti commerciali. Il modello con connessione dati 3G costa 179 dollari con pubblicità e 199 dollari senza.

Vi lasciamo con la recensione operata da The Verge che in poco più di tre minuti mostra i punti salienti del Kindle PaperWhite, che pare sia a tutti gli effetti l’ebook reader da battere.

Tags: ,
Trovato questo articolo interessante?
Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche di Google. Diffondere contenuti che trovi interessanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

8 Comments

  1. Ciao e grazie per gli articoli, molto utili.
    Ma dalla teoria vorrei passare alla pratica: dovendo fare un regalo, devo scegliere tra Kindle e resto del mondo. Come ecosistema e facilità di utilizzo (anche per diffusione) sono orientato al Kindle ma, e qui il domandone, mi chiedo come il mondo degli ebook è influenzato dai drm: scegliendo amazon a quanti libri in italiano accedo e a quanti rinuncio? In sostanza: scegliendo Amazon e i suoi formati protetti, non rischio di tagliarmi fuori troppi titoli oppure lo store amazon è fornito di titoli in italiano anche recenti in gran quantità? E gli store alternativi (ibs ecc) ormai propongono solo libri (soprattutto nuovi) con drm protetti o la maggior parte sono liberi e quindi leggibili su kindle?
    Grazie

    • Stefano, in questo momento mi sento
      d e c i s a m e n t e di consigliarti il Kobo Touch.
      E’ uscito ieri in Italia e lo trovi on line oppure nelle librerie Mondadori a 99 euro.
      Perché il Kobo e non il Kindle?
      Chiedi consiglio per un regalo e un regalo non deve complicare la vita alla persona che lo riceve.
      Il Kobo legge gli epub (quindi non devi convertirli come saresti tenuto a fare invece nel Kindle che non li legge e ti chiede di trasformarli in altri formati), integra il catalogo Mondadori e quello multilingue della piattaforma di Kobo (su Amazon avresti un vasto catalogo in italiano, anche se non riesco a quantificare, ma in mezzo avresti anche ebook autopubblicati).

      • Mi piace molto il concetto di non complicare le cose alla persona a cui fare il regalo, è esattamente il mio obiettivo.
        Quindi il catalogo italiano mondadori + il catalogo kobo + gli altri (ibs ecc) sono paragonabili a quello amazon?
        Sempre in ottica “massima facilità, minimi problemi”, la qualità (affidabilità, supporto) del kobo è paragonabile a quella del kindle?

  2. Noto che lo schermo risulta meno “incassato” rispetto al Kindle 4 touch, ovvero lo scalino tra il bordo e lo schermo qui sembra davvero minimo…

    Che sia merito del nuovo sistema touch capacitivo e non più a infrarossi ?

    • sì, ho letto qualcosa in merito su delle recensioni americane, credo che i led del sistema infrarossi Neonode (usati sul Sony Prs-T2) incidano leggermente sullo spessore del bordo interno dello schermo.

  3. Pingback: Il Kindle PaperWhite è arrivato in Italia | eBookReader Italia

  4. io ho il kindle e mi sono trovata benissimo, oltretutto hanno una promozione di un libro al giorno a 0.99/1.99 euro se la persona alla quale è rivolta il regalo usa il pc ti consiglio il kindle libri ne hai tantissimi!

  5. ho parecchi ebook in vari formati che avevo acquistato in precedenza per un altro ebook reader.
    Ora vorrei acquistare un Kindle Paperwhite ma non riesco a capire se questi libri li posso copiare dentro come fosse una memoria esterna (avendo un cavo usb interpreto dal manuale che, connessa al pc, diventa una periferica).
    grazie in anticipo a chi mi aiuta!