Unboxing del DeVo eVreader WT

Come anticipato nei giorni scorsi ho messo finalmente le mani su un eVreader WT di DeVo una società con sede a Roma attiva nella produzione e commercializzazione di periferiche per PC. Qui il sito.

Particolarità dell’eVreader WT sono lo schermo di 6 pollici SiPix touchscreen e la connettività Wifi (la sigla WT sta proprio a indicare questo).

Eccolo


Nella confezione trovate, oltre al dispositivo, il manuale, il cavetto USB e l’adattatore di corrente per USB per la ricarica delle batterie.

Caratteristiche tecniche

display: SiPix, 6 pollici con touchscreen capacitivo
tonalità di grigio: 16
risoluzione: 800×600
memoria: 2GByte espandibile con Micro SD
wifi: 802.11 b/g
audio: altoparlante integrato + jack auricolari
formati testo: PDF,Html,Testo (Txt), ePub
formati immagini: JPEG, PNG, BMP
formati audio: MP3
connettore I/O: micro USB per connessione PC/ricarica
Dimensione: 12.4 x 17.0 x 0.89 cm
peso: 240 grammi

Non l’ho ancora acceso ma le prime impressioni al tocco sono quelle di un dispositivo compatto, robusto e rifinito bene, leggermente più pesante del Mediacom JerryBook E60 e del Nilox PocketBook che uso abitualmente da qualche tempo.
In mano non è scivoloso, si impugna bene; la cornice laterale non è lucida e il retro è leggermente zigrinato; i tasti frontali, in plastica, sembrano rispondere bene, si sente un leggero “click” che conferma l’avvenuta pressione.
Il primo approccio è positivo.

Ora però lo metto in funzione perchè la presenza dello schermo SiPix touchscreen mi incuriosisce molto e nei prossimi giorni ritornerò con una recensione.

Tags: , , , ,
Trovato questo articolo interessante?
Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche di Google. Diffondere contenuti che trovi interessanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

14 Comments

  1. prezzo?

    • sì, eccolo: 329 euro con in omaggio un abbonamento trimestrale alla versione per ebook de “La Stampa” (La Stampa epaper) scaricabile in formato ePub/PDF ogni gg.

  2. Pingback: Inchiostro elettronico:parliamo di E-Ink e SiPix | eBookReader Italia

  3. Francesco says:

    Sono i famigerati lettori OEM Qisda / BenQ, di cui non si parla granché bene, se vogliamo fare dell’understatement…

    Come per il Netronix EB600, è stato piazzato ovunque con mille nomi diversi: in Russia sarà venduto almeno con 2-3 marchi diversi;

    in Spagna è venduto come Booq Avant a 279 euro (con custodia inclusa),

    in Francia come Icarus Sense a 299 euro,

    e ovviamente in Italia la Devo lo piazza a 349 euro senza custodia…

    (fonte: http://forum.simplicissimus.it/altro/notizie-di-questo-devo/msg50195/?boardseen#new)

    Ndr: ma si rendono conto che ora ce INTERNET!! Che credono che siamo buoi da pascolo??

    • un benvenuto anche a te ! …dovrebbe essere venduto anche da Kiwie, se guardi sul loro sito c’è un modello che mi sembra uguale. Qui sul blog, cerchiamo di parlare degli ereader venduti in Italia e il DeVo rientra tra questi, in particolare poi è un SiPix e quindi, a maggior ragione, mi fa piacere provarlo e riportare anche alcune (mie personalissime) considerazioni. Sicuramente il prezzo è alto, su questo siamo d’accordo. Il tempo poi, secondo me, livellerà tutti i modelli verso il basso.

    • A parte i commenti di chi cita come “fonte” i siti che vendono lettori di altre marche (disinteressati..) con tanto di insulti gratuiti a questo blog (ma perché poi??), vorrei dire che io Evreader WT l’ho visto e maneggiato un po’ in centro commerciale e mi ha colpito piacevolmente. L’esperienza del touch è notevole (non me l’aspettavo su questo dispositivo) e ne invoglia l’acquisto. Il wi-fi ovviamente non era possibile provarlo. Per fortuna ora c’è internet e possiamo controllare i prezzi. I modelli “full optional” come questo, cioè con touch screen e wi-fi, costano adesso (prima un po’ di più) intorno ai 300 euro (che ci sia o meno una custodia in finta pelle-plastica da 50 cent. poco importa, secondo me). Devo Evreader costa un po’ di più degli altri (10-20 euro) ma ti regala 90 giorni di quotidiano La Stampa. La qual cosa può piacere o meno ma non mi sembra uno scandalo. A me per esempio non è piaciuta visto che leggo un altro quotidiano a cui non rinuncio neanche una settimana e quindi ho deciso di non spendere 20 euro in più adesso, magari a Natale il prezzo si abbassa..

  4. Francesco says:

    Il commento è stato inviato solo in relazione alla “politica dei prezzi” praticata in Italia. Confermo: ridicola e folle!
    Le “fonti” si citano “a prescindere” se si vuole essere corretti. Trattandosi di un sito che parla di ebook quando il termine non era stato ancora inventato (praticamente!) qui in italia, mi pare possa dire la sua.
    Quando agli insulti sono completamente daccordo (tanto è vero che la frase era stata omessa intenzinalmente).
    Infine io con il sito in questione non c’entro nulla essendo solo un lettore e, talvota, patecipante del forum.
    Comunque complimenti per il sito che denota passione e, a mio modo di vedere, competenza.
    Di ebook reader se ne parla sempre troppo poco.
    Saluti

  5. @antonio concordo con francesco :-) che la fonte si cita sempre per correttezza, soprattutto se si tratta di simplicissimus che nel campo ereader e ebook in italia, se mi permettete, è per eccellenza LA fonte.
    l’insulto cmq non proveniva da SBF ma da un utente del forum (questa sì che è critica delle fonti ;-) )
    grazie però per la tua difesa al ns blog (ma sappi che non intendiamo essere ancora a lungo “disinteressati”… perché anche noi dobbiamo campare e quindi se non volete iniziare a sostenerci con sottoscrizioni, penseremo a qualche contratto pubblicitario!).

    • Carissimi, sentendomi tirato in causa rispondo:
      non c’è stato nessun insulto al blog, in quanto, se di insulto si tratta, era inequivocabilmente riferito ai “lettori” portati a confronto.
      Secondariamente, ma non troppo, vi faccio presente che chi dovesse ancora una volta, visto che è già successo, capziosamente associarmi alle persone che lavorano per Simplicissimus, potrebbe incorrere nelle mie reali ire.
      Rimaniamo coi piedi per terra ed accettiamo le critiche, per favore.
      Io i miei difetti li conosco e li ammetto, ma mi pare che molti li nascondano dietro una sbandierata buona volontà.
      Ribadisco l’invito:
      tutti i collaboratori che potranno vengano al prossimo incontro di un EBC, meglio se Toscana o Emilia Romagna, così potranno apprezzare le persone e, soprattutto, una disparata serie di lettori… anche non distribuiti da Simplicissimus :-) ;-)

  6. dici bene juda, sono io la prima a invitare sempre chi ci segue in rete agli incontri informali degli EBookClub che già sono nati in alcune regioni, lì davvero potete vedere “fisicamente” i lettori ebook.
    see you in rete :-)

    • sì, ma allora invita anche Simone, perché la qualità di visualizzazione di questo prodotto è semplicemente impresentabile… (o avrò beccato io un prodotto singolo difettoso?)

      • :-) mi fai venire in mente quando a un incontro di EBC Torino c’erano due iLiad presenti (con i loro possessori, s’intende) e mentre il mio visualizzava una bella pagina bianca tipo “lavo-bianco-che-più-bianco-non-si-può”, l’altro aveva una schermata davvero grigia: pareva impossibile a vedersi.

      • buon gg juda (senza polemica): se hai il dubbio puoi richiederne uno come abbiamo fatto noi oppure potresti invitare il produttore/importatore ad un EBC. Mi sembra un modo diverso, soprattutto nei toni e nei termini, di affrontare la questione; poi, per quello che ho visto io, nei centri commerciali molte volte questi dispositivi non hanno spazio e trattamento adeguato.