Steadygap, corso didattica per docenti contro il gioco d’azzardo

Il gioco d’azzardo è la cancrena della società italiana, ma pochi ne parlano. Oltre alla pericolosità delle slot diffuse nelle tabaccherie e di quelle nelle sale bingo, ora il fenomeno cresce in modo incontrollabile in rete, con siti di pocker online. 

Steadygap è un corso di formazione sulla didattica contro il gioco d’azzardo che partirà in febbraio presso il Liceo Classico e Musicale “C. Cavour” di Torino (corso Tassoni, 15). Rivolto agli insegnanti della scuola secondaria di secondo grado (massimo 30 partecipanti) approfondisce l’intreccio tra gioco d’azzardo e media e i rischi legati alla ludopatia. Verrà data precedenza ai docenti referenti nelle seguenti aree di competenza: salute, animatore digitale, bullismo-cyberbullismo, inclusione e cittadinanza.

La proposta fa riferimento alle competenze chiave di cittadinanza, in particolare quelle del comunicare, del collaborare e partecipare, dell’agire in modo autonomo e responsabile, dell’acquisire e interpretare l’informazione.

Il corso è in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte e gli Assessorati Sanità ed Istruzione della Regione Piemonte; sarà condotto e curato dall’équipe del Centro Steadycam dell’ASLCN2.

Verranno fornite competenze teoriche e metodologiche sull’utilizzo dei media e delle tecnologie digitali in ambito educativo e didattico (Media Education), discutendo e definendo una progettazione didattica e le attività di produzione mediale che gli insegnanti potranno realizzare con i ragazzi.

Gli obiettivi del percorso formativo saranno:

1. Fornire agli insegnanti competenze metodologiche e strumenti operativi per realizzare interventi sul gioco d’azzardo patologico rivolti agli studenti;

2. Diffondere messaggi di promozione della salute e informazioni relative alle strutture del territorio che si occupano del contrasto ai rischi del gioco d’azzardo.

3. Fornire ad adolescenti e giovani informazioni relative ai rischi legati al gioco d’azzardo favorendone il senso critico, la creatività e la capacità di lavorare in gruppo.

5 moduli formativi contro il gioco d’azzardo

Il percorso di formazione si articola in 5 moduli formativi. La durata complessiva sarà di 18 ore (12 in presenza, 2 a distanza e 4 in classe): 4 moduli in presenza per una durata complessiva di 12 ore; 1 modulo durante il quale i docenti realizzeranno un’attività in classe della durata stimata di 4 ore; una parte di lavoro online di circa 2 ore (revisione materiali sul blog del progetto, caricamento questionari di valutazione dell’intervento). Il corso sarà accreditato come formazione per i docenti dall’Istituto ospitante.

18/02/19 orario 15-18 Modulo 1: Digitale ed Azzardo (3h)

La promozione e il racconto del gioco d’azzardo in spot commerciali, servizi informativi, marketing sociale e narrazione audiovisiva. Simulazione di possibili attività in classe.

28/02/19 orario 15-18 Modulo 2: Piacere e Rischio (3h)

L’azzardo come fenomeno sociale, aspetti normativi e risvolti problematici. Percorsi di cura e servizi territoriali.

14/03/19 orario 15-18 Modulo 3: Progettare e produrre (3h)

Lavoro di progettazione e discussione di possibili percorsi e attività di produzione digitale da svolgere in classe per trattare il tema dell’azzardo.

marzo-maggio 2019 Modulo 4: Interventi (4h in classe + 2 a distanza)

Realizzazione attività in classe e lavoro sul blog di progetto.

28/05/19 orario 15-18 Modulo 5: Raccontiamo (3h)

Restituzione delle esperienze vissute in classe sperimentando le attività, visione dei prodotti e discussione. Punti di forza e criticità del progetto. Eventuali suggerimenti per riprogettazioni future.

Scadenza iscrizioni 10 febbraio attraverso il modulo. Per informazioni info@progettosteadycam.it

.

 

Tags: , ,
Trovato questo articolo interessante?
Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche di Google. Diffondere contenuti che trovi interessanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*