Recensione Kobo Aura (perché acquistarlo e perché no)

Kobo Aura è il nuovo lettore ebook con schermo a inchiostro elettronico da 6 pollici prodotto da Kobo e venduto in Italia da Mondadori e da qualche giorno anche da laFeltrinelli.

Aura è sicuramente il modello di punta della famiglia dei lettori ebook Kobo. È stiloso, ben costruito, piacevole da vedere, confortevole per la lettura di ebook, e fin dalla presentazione americana – avvenuta qualche mese fa – non ha mancato di suscitare grande curiosità (e qualche apprensione) per le soluzioni tecniche che Kobo ha introdotto proprio su questo modello.

Kobo Aura - pagina principale

Kobo Aura 6 pollici, illuminato e touchscreen. Questa è la pagina principale.

A differenza di tutte le altre recensioni, questa di oggi non è introduttiva al dispositivo, ma partiremo dalle conclusioni, ovvero dalle nostre impressioni sul Kobo Aura. L’obiettivo è venire incontro a quanti di voi vanno di fretta o hanno già un’idea di massima su questo dispositivo, ma stanno cercando un ulteriore parere qualificato.

Perché a Kobo Aura diamo un “Mi piace”

Come potete vedere dalle foto e dal video condiviso su questa pagina lo schermo è montato “a filo” con la cornice in modo analogo a tablet e smartphone. Sparisce quindi quel bordo di circa un millimetro tra il pannello a inchiostro elettronico e la cornice che caratterizza non solo tutti gli altri modelli Kobo, ma anche gli ebook reader di altre marche. Schermo e cornice sono ricoperti da un unico sottile strato di materiale plastico antiriflesso. La qualità costruttiva è ottima, le dimensioni geometriche ridotte (è il più piccolo tra i reader Kobo) e il peso è davvero contenuto (174 grammi). Insomma è un gusto averlo tra le mani, sembra di maneggiare un piccolo tablet e la sensazione è davvero piacevole.

Le ottime rifiniture del Kobo Aura

Le ottime rifiniture del Kobo Aura. Spicca l’assenza di bordo tra cornice e schermo.

Il dorso è sagomato e l’impugnatura a due mani tipicamente assunta durante la lettura è confortevole. Non c’è pericolo che vi scivoli dalle mani perché il retro (di colore nero o rosa) è ricoperto da materiale gommoso, zigrinato, piacevole al tatto.

Kobo Aura - dorso zigrinato

Il dorso sagomato in gomma morbida assicura un buon grip e una comoda presa a due mani

Anche il software del Kobo Aura è stato ulteriormente migliorato. L’interfaccia utente, tradotta in italiano, è sempre chiara, non ambigua, ben documentata. Il touchscreen (capacitivo) è preciso, più che sui modelli Kobo Aura HD e Kobo Glo. Osservatelo nel video, quando si tocca lo schermo il Kobo Aura esegue il comando o la funzione richiesta senza impuntamenti di sorta.

Le funzionalità principali sono comuni anche agli altri ereader Kobo, ovvero i dizionari, i traduttori multilingua, l’acquisto online degli ebook direttamente dal catalogo (sul modello che abbiamo noi si tratta di Mondadori) e l’ampia personalizzazione del carattere che consente di adattare il libro digitale al proprio stile di lettura.

L'uso del dizionario è veloce, basta un tocco sulla parola per ottenerne il significato

L’uso del dizionario è veloce, basta un tocco sulla parola per ottenerne il significato

Kobo Aura è dotato di traduttori nelle principali lingue europee

Kobo Aura è dotato di traduttori nelle principali lingue europee

Kobo Aura si distingue per il supporto al servizio gratuito Pocket che sarà apprezzato da una buona fetta di clienti e non solo da quelli più smaliziati nell’uso del personal computer (spieghiamo il funzionamento più avanti).

Perché a Kobo Aura diamo un “NON mi piace” (se su FB esistesse il tasto)

A parte un bug segnalato da un utente (grazie Pierfrancesco) che inficia il corretto funzionamento del traduttore, le nostre maggiori perplessità riguardano lo schermo. In particolare, come abbiamo già discusso in questo post, quando il Kobo Aura è esposto alla luce diretta del sole compaiono nella parte superiore dello schermo delle “striature” più o meno visibili a seconda dell’inclinazione rispetto al sole.

Kobo Aura e le striature sullo schermo

Le striature anomale che compaiono sullo schermo del nostro esemplare quando esposto alla luce del sole

Questa particolare anomalia non impedisce la lettura, ma alcuni tra noi nell’acquistarlo potrebbero non essere così contenti di scoprire che il proprio ereader pagato 149 euro (perché questo è il prezzo di vendita ad oggi) ha questo difetto, in particolare dopo che Aura è stato presentato al pubblico come uno dei più avanzati al mondo per la lettura digitale. Che ne pensate? Il problema era stato segnalato nei mesi scorsi da un blogger americano e già qualche cliente Kobo lo ha confermato sulla nostra pagina Facebook.

La funzionalità tattile del Kobo Aura è migliore rispetto a quella del modello Glo e Aura HD. Il touchscreen capacitivo assicura un tocco preciso e una risposta pronta, ma rende il fondo della pagina più grigio rispetto a quello degli altri due modelli. Il confort di lettura non ne risente in modo particolare, grazie alle già citate ottime opzioni per la personalizzazione del carattere e a un ottimo sistema di illuminazione dello schermo, che garantisce luce uniforme su tutta l’area di lettura senza le “derive” bluastre che caratterizzano il Kobo Glo e (in misura minore) il Kobo Aura HD.

Lo schermo è assemblato come un tutt’uno con la cornice che risulta così ricoperta dallo stesso materiale plastico trasparente che protegge lo schermo. Le foto che seguono testimoniano lo svantaggio di questa scelta tecnica: le nostre impronte rimangono irrimediabilmente visibili. Per tanti può essere irrilevante, ma sugli altri modelli Kobo e sui lettori ebook di Amazon la cornice opaca riduce notevolmente questo (potenziale) problema.

Cornice del Kobo Aura

Dettaglio della cornice cattura impronte del Kobo Aura

Spesso ci siamo soffermati su quanto sia importante acquistare anche una buona custodia protettiva. Il consiglio vale anche per il Kobo Aura, con una paio di ulteriori personalissime considerazioni. La scelta di una custodia con il fondo piatto vanificherà immediatamente l’effetto sagomatura del dorso del dispositivo, mentre una custodia avvolgente ridurrà di certo le impronte delle nostre dita sulla cornice ma annullerà in parte il “design effetto tablet” che è la bellezza tecnica di questo dispositivo.

Non siamo esperti di design, ma forse una custodia integrata in stile Sony T3 preserverebbe l’effetto sagomatura del dorso, proteggendo lo schermo dell’Aura e comunque limitando il peso complessivo.

Kobo Aura è il dispositivo che fa per me?

Cerchiamo di rispondere con ordine a questa domanda.

Se siete alla ricerca del vostro primo ebook reader (o avete intenzione di regalarne uno) allora l’Aura fa per voi per l’ottimo bagaglio funzionale e il confort di lettura, anche se – lo ribadiamo – c’è un po’ di delusione per le striature anomale di cui abbiamo parlato in precedenza. L’occhio inesperto di chi si avvicina per la prima volta a questo genere di dispositivi le potrà considerare una caratteristica intrinseca del Kobo Aura, oppure non le noterà neppure, mentre con ogni probabilità saranno guardate con diffidenza da chi ha già qualche esperienza con ebook reader a inchiostro elettronico.

Avete già un ereader e state valutando se sostituirlo. Avete un lettore di ebook datato come Biblet di Telecom Italia, Cybook Orizon di Bookeen, Kobo Touch o i primi modelli di LeggoIBS, Pyrus di TrekStor o Sony T1 o Sony T2? Anche in questo caso vi consigliamo Kobo Aura, perché oltre a beneficiare del notevole salto tecnologico potrete migrare tutta la vostra attuale libreria digitale personale.

Invece, se siete in possesso di un Kobo Glo, a nostro parere, non vale la pena acquistare il modello Aura dal momento che i due dispositivi montano lo stesso tipo di pannello a inchiostro elettronico (E-Ink Pearl HD) e sono molto simili a livello funzionale. Il touchscreen del Kobo Aura è vero che è migliore di quello del Kobo Glo (e del Kobo Aura HD), ma il fondo della pagina restituisce una resa leggermente più scura. Cambiarlo comunque perché rispetto al Glo sappiamo che l’Aura supporta l’ottimo servizio Pocket? Anche qui non pare il caso, dato che siamo sicuri che a breve un aggiornamento software estenderà Pocket anche all’intera gamma di ereader Kobo.

Quale scegliere tra Kobo Aura e Kindle PaperWhite?

Abbiamo in parte già risposto a questo “dubbio amletico” sulla nostra pagina Facebook e nel confronto fotografico (qui su Google+). A nostro parere diamo maggior punteggio al Kindle PaperWhite (che stiamo per recensire) per l’ottimo confort di lettura, per utili funzionalità come flippage e per l’impeccabile servizio clienti di Amazon, ben consapevoli del fatto che il sistema per la lettura digitale costituito dall’abbinamento Kindle PaperWhite e Kindle Store (ovvero il catalogo ebook di Amazon) è più chiuso e vincolante per il cliente rispetto a quello dell’accoppiata Kobo Aura e store online inMondadori (vale la stessa cosa per il catalogo laFeltrinelli, neoarrivato su Kobo, salvo smentite dettate dalla pratica). Insomma, se scegliete Kindle difficilmente potrete spostare tutta la vostra libreria digitale personale in un dispositivo non del marchio Amazon.

La scheda tecnica

Kobo Aura ha uno schermo E-Ink Pearl HD (768×1024 pixel) da 6 pollici dotato di funzionalità tattile (touchscreen capacitivo) con illuminazione integrata che consente di leggere in confort i libri digitali anche in condizioni di scarsa illuminazione ambientale. Tutte le attività (dal cambio pagina, all’acquisto degli ebook, all’uso dei dizionari e traduttori) passano dall’interazione con lo schermo. Gli unici due pulsanti meccanici sono quelli di accensione e spegnimento dell’illuminazione e del dispositivo (tasto rosso) posizionati lungo il profilo superiore.

La caratteristica peculiare del Kobo Aura è la completa assenza di bordo tra la cornice e lo schermo che conferisce al dispositivo un look moderno ed elegante simile a quello di un tablet. L’ingombro fisico è davvero ridotto ed è inferiore a quello di qualsiasi altro ebook reader di Kobo: pesa appena 174 grammi, misura 15 cm di altezza per 11 di larghezza con uno spessore di 8 millimetri. Il dorso è sagomato (il design è ereditato dal Kobo Aura HD) e rivestito da un sottile strato gommoso e zigrinato che agevola la presa durante la lettura.

Nel Kobo Aura è possibile archiviare circa 3000 ebook di medie dimensioni (4GByte è il valore nominale della memoria in dotazione), ma grazie al supporto micro-SD possiamo espandere ulteriormente la capacità di archiviazione (fino a 32Gbyte) o trasferire velocemente intere biblioteche da un dispositivo all’altro o dal pc al Kobo Aura.

Ampio è il supporto ai formati ebook. In primis ePub e Pdf anche con i lucchetti digitali (Drm) di Adobe e a seguire Mobi, TXT, Rtf, Cbz e Cbr per leggere fumetti in digitale.

Ma ecco il video che abbiamo girato, prima in ambiente esterno in piena luce, poi in una stanza normalmente illuminata con luce artificiale.

Leggere ebook con il Kobo Aura

Kobo Aura offre parecchie regolazioni che migliorano il confort di lettura: 11 tipi di carattere (è possibile aggiungerne di nuovi) con 24 diverse dimensioni, regolazione granulare di spessore e nitidezza. Possiamo scegliere la giustificazione del testo e la larghezza dei margini della pagina. Insomma, è il contenuto che si adatta a noi e alle nostre esigenze e non il contrario.

Le ottime funzioni di personalizzazione del carattere fornite dal Kobo Aura

Le ottime funzioni di personalizzazione del carattere fornite dal Kobo Aura

Al buio o in condizioni di scarsa illuminazione ambientale l’area di lettura è illuminata in modo assolutamente uniforme e priva delle leggere sfumature bluastre che caratterizzano i modelli Glo e Aura HD. Anche con la massima intensità luminosa il nero dei caratteri non sbiadisce ed è intenso. A parità di condizioni ambientali circostanti il fondo della pagina (come già detto) è più scuro rispetto a quello del Kobo Glo, Kobo Aura HD e Kindle PaperWhite (modello 2013), sia in ambiente esterno sia al chiuso con l’illuminazione integrata accesa, ma le differenze si possono notare solo accostando side-by-side tutti e quattro i dispositivi.

Con Kobo Aura (come è degli altri modelli Kobo) sarete completamente autonomi nell’acquisto di un ebook. Significa che, una volta creato e configurato il vostro profilo cliente sul portale Kobobooks.it con i dati personali e il numero della carta di credito, potrete acquistare i libri digitali con estrema facilità direttamente dal vostro dispositivo senza la noiosa complicazione del pc. Da questo punto di vista i Kindle di Amazon agevolano ancora di più perché arrivano nelle vostre mani già configurati e pronti all’uso.

Una volta attivata la connessione WiFi potrete accedere al catalogo ebook di Mondadori. Sulla pagina principale del dispositivo campeggia la casella di ricerca (si veda la sesta immagine). Inserite il titolo di un libro o il nome di un autore o una parte di esso e il dispositivo velocemente vi presenterà uno o più pagine di risultati. Di ogni libro otterrete la sintesi, i dettagli tecnici, l’elenco dei libri simili e la possibilità di inserirlo tra l’elenco dei libri desiderati e da tenere d’occhio. Con un tap potrete scaricarne un estratto di alcune pagine e valutarlo prima dell’acquisto definitivo. I libri acquistati (non i documenti personali caricati da pc) saranno subito accessibili, visualizzabili e sincronizzati anche su qualsiasi altro ereader o tablet Kobo o smartphone in vostro possesso (a patto di effettuare l’accesso con il medesimo profilo utente). Il merito è dell’ecosistema Reading Life di Kobo che lavora dietro le quinte in modo trasparente all’utente, e del formato proprietario KePub (Kobo ePub) nel quale sono “codificati” tutti i libri acquistati nel negozio online di Kobo. È bene chiarire che KePub serve solo ai fini del funzionamento del sistema di lettura digitale Kobo. Ogni libro da voi acquistato sarà comunque scaricabile dall’area clienti del sito Kobobooks.it in formato ePub (con Drm Adobe) senza ulteriori costi a vostro carico.

Reading Life mantiene così aggiornate le librerie personali e sincronizza in automatico note, evidenziazioni e segnalibri di ogni libro. Una vera comodità, che vi consente di leggere lo stesso libro senza perdere mai il segno passando da un dispositivo Kobo a un altro, oppure utilizzando l’app Kobo su dispositivi tipo i tablet o gli smartphone.

Una novità che abbiamo particolarmente apprezzato è l’integrazione con il servizio gratuito multipiattaforma Pocket. Tante volte vi sarà capitato di imbattervi in un articolo interessante sul web senza avere il tempo o il dispositivo adatto per leggerlo con comodità. Pocket assolve a pieno a questa funzione. Registratevi su getpocket.com (peccato che l’interfaccia utente parli solo inglese) e spedite via email l’indirizzo web degli articoli di vostro interesse a add@getpocket.com. Accendete il Kobo Aura, attivate la connessione WiFi e dopo qualche istante l’articolo comparirà sul dispositivo nel solo formato testuale, pronto per essere letto come un ebook. E’ un servizio davvero comodo che ricalca quanto fatto sui dispositivi di Sony con il servizio Evernote (molto più completo ed esteso rispetto a Pocket).

A nostro parere leggere su inchiostro elettronico deve essere anche questo: integrare finalmente l’ebook reader con la quotidianità dei servizi web più utili e diffusi, inventando all’occorrenza nuove funzioni, per far sì che il contenuto sia davvero accessibile ovunque e in ogni istante.

Kobo Aura in vendita sul sito ufficiale Mondadori

Kobo Aura in vendita sul sito ufficiale Mondadori

In questo momento Kobo Aura è venduto a 149 euro. Nel complesso lo consideriamo un validissimo dispositivo per la lettura digitale. È apprezzabile lo sforzo progettuale di Kobo: ha realizzato un dispositivo piacevole da vedere, con un design leggero e alla moda e che richiama l’idea del tablet. Nonostante le sopra evidenziate problematiche dello schermo dell’esemplare in nostro possesso, leggere su Kobo Aura è confortevole e piacevole ed è probabile che per molti sia l’ebook reader ideale. Facilmente ci si dimentica del “pezzo di ferro” che si ha tra le mani e ci si immerge nel testo senza distrazioni… ogni riferimento a tablet e smartphone (non) è puramente casuale. ;-)

.

Tags: ,
Trovato questo articolo interessante?
Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche di Google. Diffondere contenuti che trovi interessanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

20 Commenti

  1. Grazie, complimenti, una recensione davvero completa e utile !

    Non ho capito bene una cosa riguardo alla discorso del “sistema chiuso” Amazon rispetto a Kobo: in fondo entrambi hanno un formato proprietario, no ? Oppure si tratta del solito famigerato problema dell’applicazione o meno dei DRM ?

    Grazie in anticipo per la risposta.

    • Automaticjack says:

      Non credo ci si riferisca alla protezione (facilmente agirabile con Calibre), né alla impossibilità di leggere altri formati (superabile grazie a Koreader).
      Ritengo che Simone faccia riferimento al fatto che il formato utilizzato da Amazon è SOLO utilizzato da Amazon e da nessun altro al mondo. Il risultato è che se acquisti un Kindle sei vincolato ad acquistare libri da Amazon (e pochissimi altri) e se poi utilizzi un ebook reader di un’altra marca non potrai leggerli (a meno di convertirli in altro formato con Calibre il cui risultato non sarà mai del tutto pari all’originale, per quanto buono) o avrai difficoltà nell’utilizzare tutte le operazioni normalmente disponibili sul testo perchè la compatibilità non sarà al 100% (link, sottolineature, vocabolario ecc…).
      E’ una precisa scelta commerciale di Amazon che ti costringe a decidere a priori se aderire o meno al loro mondo (un po’ come con Apple).

  2. Confermo l’ottima recensione ribadendone i contenuti e sottolineandone il pricipale difetto: le striature bianche nella parte superiore dello schermo a certe inclinazioni dello stesso. Questo lo si nota soprattutto in piena luce solare ma anche con alcuni tipi di luce artificiale. Difetto che mi ha spinto a portare il lettore a un centro di assistenza Mondadori ( e qui vorrei aprire una parentesi ). Il centro Mondadori ha accettato il reclamo, dicendomi che aveva già sentito dire del problema, e mi ha rimborsato il lettore, visto che una sostituzione non avrebbe garantito uno schermo esente da presunti difetti. Prima di questo avevo interpellato il centro assistenza Kobo per quanto riguarda la cancellazione del testo in formato epub utilizzando il traduttore. Dopo aver consultato il loro staff tecnico mi hanno confermato che si tratta di un bug e che sarà presto risolto. Inoltre mi hanno chiesto una foto del lettore dove apparivano le striature. Dopo averla inviata mi hanno pregato di riportare il lettore a un centro Mondadori dove avrei dovuto aspettare circa tre settimane per la riparazione o la sostituzione. Per farla breve: mi pare che ne sappiano di più e si comportino in maniera più efficace al centro Mondadori che all’assistenza Kobo.
    Per quanto riguarda gli altri difetti non sono poi così gravi. È vero lo schermo è leggermente grigiastro ma con una tonalità molto calda che non affatica la lettura, anzi; tutto questo svanisce con l’utitlizzo dell’illuminazine integrata. Le ditate si notano sulla cornice nera ma personalmente non m’infastidiscono tanto.
    Codialmente.

    • Automaticjack says:

      Ritengo siano le conseguenze di una politica precisa (purtroppo non solo di Kobo) votata al risparmio sul controllo qualità dei prodotti. Una volta, prima di far uscire un prodotto sul mercato, si facevano duemila esperimenti pagando persone per testare l’impossibile sul dispositivo. Oggi, si immette sul mercato direttamente il prodotto e poi si attende che siano gli acquirenti a scoprire eventuali difetti di produzione sulla loro pelle. Di fatto costa meno…

      • ciao

        ho acquistato l’aura ai primi di ottobre, un po’ sulla fiducia delle prime impressioni su forum e soprattutto per il credito che il fratello minore dell’aura hd poteva vantare.
        Confermo le cose ottime dette in recensione.
        Su segnalazione di un utente di questo blog mi sono accorto del problema del traduttore con epub e l’ho segnalato al mondadori store presso cui l’avevo acquistato e al supporto kobo. Dopo l’iniziale fatica a far riconoscere il baco, mi hanno detto che verra’ corretto. Spero di non rimanere deluso in futuro ma, su questo punto, apprezzo la capacita’ di correggere, visto che e’ impossibile ormai far uscire prodotti perfetti.
        Purtroppo mi sono accorto tardi delle striature, in quanto leggo su treno e metro con luci fioche, oppure con la luce dell’ereader accesa. Ho segnalato il difetto a supporto kobo e mondadori store. Con i primi ho ancora aperto un ticket, con i secondi ero rimasto che avremmo atteso la posizione ufficiale di kobo sul tema. Ora non so se e’ troppo tardi per cambiare il dispositivo, cosa che sono tentato di fare perche’, visto il costo, mi aspettavo l’ereader per eccellenza, soprattutto per quanto riguarda la base di un ereader. Continuo a non capire se si tratti di un difetto strutturale irrimediabile oppure di un problema ristretto ai primi lotti prodotti. Nel secondo caso potrei anche accettare una sostituzione con un modello perfetto ma il problema e’ accorgersene nei negozi, dove la luce non le risalta.
        Altra nota che vorrei aggiungere e’ sulle custodie: oltre a coprire, come diceva Simone, l’apprezzabile dorso, mi sembra che le cover kobo siano un po’ troppo grandi per l’ereader. Uno spende di piu’ per avere anche un bell’oggetto di dimensioni ridotte e si trova alla fine ad avere tra le mani un anonimo ereader grande quanto quelli piu’ economici.

        • Grazie per la tua testimonianza. Ora come ora il problema delle striature è l’unico freno all’acquisto del lettore. spetterò che si chiarisca la faccenda: se è un problema ristretto alle prime unità prodotte aspetterò che venga risolto con quelle successive; in caso contrario valuterò eventuali altri lettori.

        • A me Mondadori a rimborsato l’importo, in forma di buono valevole 1 anno, dopo tre settimane dall’acquisto del lettore, quindi oltre i canonici 10 giorni del soddisfatto o rimborsato… ed è stata la stessa assistenza che mi ha suggerito questa opzione visto che la sostituzione non mi avrebbe garantito uno schermo esente da difetti.

  3. Ciao,
    Prima di tutto davvero complimenti per le ottime recensioni!! Un lavoro splendido!! Volevo chiedere più che altro agli utenti che hanno contattato il supporto tecnico Kobo(che tra l’altro non sono riuscito a trovare online) se avessero subodorato che effettivamente quest’ultimo fosse già a conoscenza del problema delle striature sul Kobo Aura e se allo stesso tempo avessero avuto l’impressione che ci fosse una volontà di correre ai ripari e sistemare il difetto… Mi piacerebbe comprare questo ebook reader ma questa pecca mi sta bloccando! Un saluto a tutti!

  4. vorrei sapere se è possibile ruotare lo schermo, cioè se si può mettere in orizzontale anzichè in verticale come si fa sul cybook odissey. grazie

  5. Salve io sono indeciso tra aura e paperwhite e volevo sapere quale è il migliore, e se magari i libri comprati su amazon con calibre li posso passare su kobo e viceversa. Inoltre il problema delle striature è su aura hd o solo su aura, è stato risolto ad oggi?
    Grazie

  6. Buongiorno, si hanno novità sul problema delle striature sul display dell’ Aura? Vorrei comprarlo per Natale, ma questo difetto del display mi sta preoccupando un po’. Kobo e/o Mondadori hanno fatto sapere qualche cosa in proposito?
    Grazie

  7. Salve, innanzitutto complimenti per le recensioni e gli articoli sono stati molto utili. Ora mi rimane solo un “piccolissimo problema” quale devo regalare a mio marito accanito lettore sopratutto la sera a letto? Kobo Aura ultimo modello o il nuovo Kindel Paperwhite sempre ultimo modello?
    Grazieeee help!!!

  8. Dopo numerose letture di confronti, test, recensioni, alla fine, ho comperato l’Aura. In verità nella scelta, prima ancora delle peculiarità tecnologiche che contraddistinguono il Kobo dal Paperwhite di Amazon, hanno pesato valutazioni di altra natura quali il rifiuto di un sistema chiuso che tende a creare un monopolio, le perplessità a finanziare un’azienda che fa elusione fiscale, il disappunto provato nel leggere delle vicende del colosso Americano in Germania. Insomma l’etica ha prevalso sugli appetiti tecnologici (ammesso che il display più avanzato del Paperwhite, che mi pare essere l’unico vero punto di forza di questo ereader, possa realmente determinare la scelta)

  9. Salve, ho comprato ieri kobo aura hd. Non riesco a mettere nella libreria alcuni file in formato cbr ed epub. Li ho anche i pdf, ma non ho provato ancora con quelli. Sto parlando di file che ho per conto mio e che non ho acquistato. Come è possibile far sì che kobo aura hd li legga? Inoltre, nella ricerca non mi sembra siano disponibili molti libri e fumetti. Se acquistassi altrove un ebook (per dire su amazon o insomma su un sito internet e non sullo store di kobo), poi come faccio per passarlo sul lettore ebook? Ho provato a fare sincronizzazioni inserendo ad esempio un file cbr nella cartella epub di kobo dello smartphone dopo aver scaricato anche epocket e tutto, ma niente. Come vedete non sono esperto e se qualcuno potesse aiutarmi chiarendomi questi dubbi gliene sarei immensamente grato

  10. ciao ma nessuno ha avuto problemi con WiFi?
    perde la psw che ogni volta devo inserire
    ho Alice in casa ed è un casino ogni tanto va in crasch e perde il collegamento.

    • Anche a me succede esattamente la stessa cosa.Un vero disastro.

    • Ho avuto lo stesso problema. Provate a impostare il modem togliendo la selezione automatica del canale radio e impostando manualmente uno dei canali disponibili. Io ho messo 1, il primo ed il collegamento wifi dell’ereader è diventato molto più stabile.

  11. salve, vorrei sapere quanti libri si possono leggere contemporanemente senza perdere il segno, dato che ho questa abitudine.. non trovo quest’informazione da nessuna parte.. grazie

  12. Ciao,
    qualcuno sa se è possibile utilizzare altri dizionari? Per esempio se comprassi lo Zanichelli (oppure l’Oxford English) potrei vedere la definizione semplicemente toccando la parola con un dito?
    thanx