Ddl Lettura: verso il voto finale in Senato

È passato in Commissione Cultura del Senato il testo del decreto Lettura che ora va all’approvazione finale del Senato. Contiene misure per la promozione della lettura e dei libri e in particolare regola gli sconti librari abbassandoli al 5% rispetto alla precedente legge Levi che li misurava a un tetto massimo del 15%. L’intento è che anche le vendite online e le librerie di catena si attengano alla scontistica del 5% riequilibrando il mercato per le piccole librerie del territorio. Restano particolari periodi per sconti promozionali superiori, come pure la scolastica potrà applicare il consueto 15%.

La lettura come mezzo di progresso civile

Viene istituito il Fondo per l’attuazione del Piano nazionale d’azione per la promozione della lettura, con una dotazione di 4.350.000 euro annui a decorrere dall’anno 2020: la gestione del fondo è affidata al Centro per il libro e la lettura (Roma).

Inoltre il Consiglio dei ministri assegna annualmente a una città italiana il titolo di «Capitale italiana del libro» in base a una selezione su progetti presentati dalle città che si candidano: la città assegnataria del titolo vedrà i progetti finanziati entro il limite di spesa di 500.000 euro annui a decorrere dall’anno 2020.

Soddisfazione per il Ddl Lettura viene espressa dagli editori indipendenti (Adei), dall’Associazione librai italiani (Ali), dal Sindacato italiano librai (Sil), mentre sfavorevole al testo si è espressa l’Associazione italiana editori (Aie).

.

Fonte:

Qui il testo online del decreto Lettura di prossima approvazione al Senato

.

Tags: , ,
Trovato questo articolo interessante?
Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche di Google. Diffondere contenuti che trovi interessanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*