Le parole giuste per narrare il femminicidio


Le “narrazioni tossiche” si diffondono in rete e raccontano i femminicidi commiserando l’assassino, il carnefice, narrando il suo Io anziché parlarci della vittima, della donna che lui vedeva come oggetto di possesso, proprietà, colei che non può dire un no.

I media hanno una grande responsabilità per il linguaggio che usano e la cultura che diffondono e confermano. Quando certi giornalisti sapranno uscire dall’antico refrain da bar sport «Se l’è voluta»? Per te che ti occupi di comunicazione, giornalismo, che scrivi su un blog, lavori in un centro antiviolenza, in un’associazione culturale o sei un cittadino che vuole cambiare il linguaggio intorno alla violenza contro le donne il consiglio di lettura è Le parole giuste – Come la comunicazione può contrastare la violenza maschile contro le donne di Nadia Somma e Luca Martini.

Tags: , ,
Trovato questo articolo interessante?
Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche di Google. Diffondere contenuti che trovi interessanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*