Digital disruption nello Studio Mediobanca editoria quotidiani 2010-2014

È stato diffuso lo Studio Mediobanca sui Gruppi editoriali italiani a capo dei maggiori quotidiani relativo al quinquennio 2010-2014.

Dal 2008 la disaffezione per la carta stampata quotidiana non ha avuto freno e i cinque anni 2010-2014 segnano negli 8 maggiori gruppi editoriali un calo di ricavi del 33,2%, perdendo così circa 2 miliardi di ricavi.

Nel rapporto, che trovate linkato al fondo di questo post, potete leggere integralmente i dati di calo diffusionale e di calo delle raccolte pubblicitarie su cartaceo. L’unico incremento riguarda i ricavi da attività digitale, ma è precisato che il travaso di lettori dalla carta al digitale non ha picchi tali da compensare le copie cartacee perse, né i ricavi mancati.

Insomma – diciamo noi – il modello di disruptive innovation, detto in gergo, è ancora tutto da inventare.

Mentre vi rimandiamo alla lettura completa dello Studio Mediobanca, segnaliamo un passo che sul futuro dell’editoria è davvero centrale e che qui rilanciamo perché rispecchia a pieno la nostra visione:

.

«Troppo spesso, per eccesso di semplificazione, si sostiene che la morte dei giornali e della carta stampata sia prossima. La sfida da vincere nel prossimo futuro è quella della convergenza e integrazione della forma cartacea con quella digitale, assegnando a ciascun mezzo il suo ruolo e significato. Lo spiega bene la metafora utilizzata da David Johnson che afferma: “sia carta che digitale presentano numerosi vantaggi e non c’è necessità che lavorino uno contro l’altro, tanto quanto non è necessario che una gomma e una matita operino contro il tasto canc del computer”.»

.

Fonte:

R&S Mediobanca Focus Editoria

.

Tags: , ,
Trovato questo articolo interessante?
Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche di Google. Diffondere contenuti che trovi interessanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

Comments are closed.