Libri in orbita con il capitano Samantha Cristoforetti

Tra gli oggetti portati nello spazio nella Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana ed European Space Agency vi sono anche alcuni libri, parte del bagaglio personale di Samantha Cristoforetti, prima astronauta italiana che prende parte a una missione spaziale. In un Paese con bassi tassi di lettura come l’Italia, anche portare dei libri nello spazio può forse servire di buon auspicio per farli tornare in orbita nei gusti dei lettori, non è vero? Ecco perché ve ne parliamo. Vediamo insieme se qualcuno dei titoli lo abbiamo letto.

AgenteX99

Abbiamo recuperato, sebbene in una risoluzione bassa, la copertina del titolo esaurito “Agente X. 99” con l’illustrazione di Altan.

La notte del 23 novembre, con la missione Futura 42, la 37enne Samantha ha raggiunto la Stazione spaziale internazionale (Iss) che orbita intorno alla Terra. Pochi chili a sua disposizione per il bagaglio personale, ma @AstroSamantha con sé ha scelto di portare anche alcuni libri: Palomar di Italo Calvino (vi rimandiamo al libro a stampa, di cui esiste anche epub e formato Kindle) e Pilota di guerra di Antoine de Saint-Exupéry (link al libro a stampa). Cristoforetti prima della partenza ha anche fatto confezionare dei micro-libri che raccolgono pagine di Gianni Rodari, in particolare Agente X. 99: storie e versi dallo spazio (edito nel 1996 da Einaudi Ragazzi, con illustrazioni di Altan, è oggi un titolo esaurito, ne trovate però copie nell’usato) e I viaggi di Giovannino Perdigiorno (ecco il link al libro a stampa).

Ma i legami tra spazio e libri non finiscono qui. Infatti, la NASA per le missioni spaziali rilascia dei poster ufficiali con gli equipaggi in partenza che con sense of humor ricostruiscono e fingono locandine di film famosi.

poster_Expedition42Missione Futura ha scelto niente meno che la Guida galattica per gli autostoppisti di Adams Douglas (ecco i link al libro a stampa, al formato epub e Kindle, e i più appassionati trovano su carta il ciclo completo della saga di fantascienza di Douglas). Vedete qui il poster ufficiale con il motto Don’t Panic (Niente panico) che per una missione spaziale è già tutto un programma.

Se questo post è riuscito anche solo minimamente nell’intento di aprire un piccolo oblò sulla vostra curiosità della narrazione spaziale, sappiate che potete seguire il capitano Samantha leggendo il suo diario di bordo, il cosiddetto #SamLogBook, con il titolo che campeggia nella pagina dell’Avamposto42: Guida galattica per terrestri in missione. Anche perché questo “libro elettronico” scritto da Cristoforetti e trasmesso dallo spazio non è poi così lontano: tenete d’occhio il cielo, perché nelle sue traiettorie di orbita intorno alla Terra la stazione Iss, in caso di cielo limpido, sarà in alcuni momenti visibile a occhio nudo. È passata infatti sopra l’Italia la sera di sabato 13 dicembre in corrispondenza di tutta la catena alpina, spuntando da Ovest e dirigendosi verso Est. Quando ricapiterà (qui potete seguirne il tracciato in tempo reale), avrete pochi minuti per vederla, e se non ci riuscite, Don’t Panic, rifugiatevi naturalmente nella lettura di un buon libro.

.

 

Tags: , ,
Trovato questo articolo interessante?
Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche di Google. Diffondere contenuti che trovi interessanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

Comments are closed.