Recensione del Nook Touch

Quella che vi presentiamo oggi è la recensione del Nook Touch. Non si tratta però della “nostra” recensione, perché non abbiamo ancora avuto modo di toccare con mano e provare di persona il nuovo dispositivo di Barnes&Noble. Si tratta della libera traduzione riadattata dell’articolo New Nook Touch Review (lo trovate qui) del blog americano The Ebook Reader (qui), integrata con nostre considerazioni e alcuni link di approfondimento che ci aiuteranno a disegnare un quadro abbastanza completo del Nook Touch. A fine articolo, per completare, abbiamo riportato due video-prove del prodotto, la prima (in inglese) realizzata dall’autore stesso del blog sopra citato e la seconda (in italiano) ripresa da Netbook News (qui).

Nook Touch: nuovo look e semplicità
Barnes&Noble per il suo nuovo Nook Touch ha scelto prima di tutto la semplicità, abbandonando la soluzione a doppio schermo che caratterizzava il precedente modello (e che vedeva un piccolo LCD touchscreen a colori posizionato sotto quello e-ink) in favore di un unico schermo touch a inchiostro elettronico.
Nook Touch è disponibile solo nella versione wifi e per il momento non è previsto un modello dotato di connessione telefonica 3G.
A completare l’offerta dedicata alla lettura digitale Barnes&Noble propone anche il Nook Color (un tablet con schermo tradizionale LCD particolarmente indicato per i contenuti a colori e multimediali) e una serie di applicazioni gratuite disponibili praticamente su tutte le piattaforme esistenti che consentono di acquistare gli ebook direttamente dalla libreria online e di leggerli su tablet e smartphone.

Il nuovo dispositivo ha un prezzo di 139 dollari, paragonabile a quello del Kindle 3 di Amazon. Attenzione che il Nook è in vendita solo negli USA.
Sulla product page ufficiale il produttore accenna anche a una possibile distribuzione internazionale senza per altro specificare una data.
Nel frattempo, per chi di noi in Italia lo volesse far suo, l’unica possibilità di averlo (oltre a quella di comperarlo negli States) è quella di sfruttare servizi che prevedono l’acquisto per nostro conto, lo sdoganamento e la consegna a domicilio. A questo proposito, tra tutti quelli che si possono trovare in rete, consegnato.com sembra godere di una buona reputazione.

Caratteristiche tecniche e design
Il case del Nook Touch è rivestito da un materiale gommoso di colore nero, morbido e piacevole al tatto. Gli angoli sono smussati e il retro è stato sagomato per aumentare l’aderenza e renderne così la presa più sicura sia in posizione verticale (landscape) che orizzontale (portrait).
Peccato però che il Nook Touch non consenta di sfruttare proprio la visualizzazione dei contenuti in orizzontale, funzione disponibile su tutti gli altri ebook reader oggigiorno presenti sul mercato.

Come i migliori top ereader (Kindle e Sony PRS) è dotato del display 6 pollici Pearl prodotto da E Ink che, ricordiamo, in questo momento è il migliore inchiostro elettronico a tonalità di grigio in circolazione, con un contrasto del 50% superiore rispetto al modello precedente Vizplex.

Il touchscreen è stato realizzato con il sistema di raggi infrarossi di Neonode, lo stesso impiegato da Sony per i propri ebook reader. Il risultato è un display particolarmente sensibile al tocco, preciso e responsivo (grazie anche al processore) che rende complessivamente semplice e veloce l’interazione con il dispositivo, un particolare apprezzabile nelle operazioni ripetitive, nell’esplorazione delle varie funzioni di menù e nell’utilizzo della tastiera virtuale.

Ai lati del display sono presenti i due tasti per il cambio pagina.
Sotto il display, al centro, trova posto il tasto “n” che caratterizza anche il Nook Color: premendolo si attiva una barra di navigazione per un rapido accesso alla homepage, la libreria, il negozio online (in inglese, perché si tratta del sito statunitense di Barnes&Noble), la ricerca e le impostazioni del dispositivo.

Il tasto di accensione si trova sul retro (in alto e al centro), lo slot microSD per l’espansione di memoria (fino a 32 GByte) è sul lato destro e, infine, il connettore USB è posizionato sul fondo ed è utilizzabile per il trasferimento dei dati da e verso il pc oltre che per la ricarica (attenzione che l’alimentatore è americano ed è quindi da prevedere l’acquisto di un adattatore USA/Eu).

Il cuore del Nook Touch è costituito dal processore TIOMAP 3 (da 800 MHz) di Texas Instruments e dal sistema operativo Android 2.1 prodotto da Google e opportunamente riadattato da Barnes&Noble, nel senso che – almeno ufficialmente – mancano applicazioni come il browser web e il marketplace che preclude quindi la possibilità di installare applicazioni di terzi parti.

Il cambio pagina è molto veloce, frutto sì della velocità del processore ma anche della scelta del produttore di effettuare una pulizia di pagina completa (refresh) ogni 6 pagine. Come conseguenza si ha un leggero effetto ghosting che potrebbe infastidire i lettori più esigenti. Per il momento, purtroppo, l’utente non ha la possibilità di cambiare questa impostazione come consentono invece i dispositivi di Pocketbook e il LeggoIBS (derivato dal Pocketbook 603 Pro).

Leggere con il Nook Touch
Il design, il touchscreen Pear, la velocità del processore e le varie impostazioni rendono particolarmente gradevole e personalizzabile l’esperienza di lettura con il formato ePub, meno con i libri digitali in PDF come vedremo in seguito.
ePub e PDF sono i due formati principali supportati con e senza DRM Adobe (quindi lo possiamo utilizzare tranquillamente anche in Italia, acquistando o scaricando gli ebook dalle varie librerie nostrane.
Gli altri formati supportati sono quelli grafici: JPG, GIF, PNG e BMP.

Sulla pagina principale, in alto a sinistra, il Nook Touch mostra l’ultimo ebook letto.
L’icona sotto il libro svela la vocazione “social” di questo dispositivo: è infatti possibile votare il libro, prestarlo a un amico, condividere il titolo su Twitter o Facebook e scoprire anche quello che i nostri amici stanno leggendo. Tutte queste attività sono ovviamente pensate per il mercato americano, ma l’uso di Facebook e Twitter sta crescendo anche in Italia.
Nel riquadro in alto a destra è presente la lista degli ultimi ebook letti e nella zona inferiore i 4 top best seller in vendita su Barnes&Noble (occorre attivare la connessione wifi).

Altre sezioni disponibili sono:
- la libreria (che semplicemente elenca tutti i documenti digitali presenti sul Nook)
- le impostazioni del dispositivo
- la funzione di ricerca
- la shop online di B&N dove acquistare e scaricare ebook

E’ da sottolineare il fatto che tutti i messaggi e le scritte di sistema sono disponibili solo in lingua inglese.

Come dicevamo la lettura di ebook in formaro ePub è davvero piacevole, grazie anche alle numerose possibilità di personalizzazione che il Nook offre in questo ambito: cambiare il tipo di carattere (selezionabile tra Cecilia, Malabar, Amasi, Gill Sans, Helvetica Neue e Trabucco), la dimensione (6 differenti grandezze), l’interlinea (spaziatura singola, intermedia e doppia) e la misura del margine laterale è agevole grazie a menù contestuali richiamabili sulla pagina del libro. E’ possibile anche aggiungere note, evidenziazioni e accedere al dizionario (in inglese), il tutto utilizzando il solo tasto “nook” centrale.

Per quanto riguarda il formato PDF la situazione è leggermente diversa perché non esiste lo zoom e, come detto, non è possibile cambiare la visualizzazione in modalità portrait.
Tenendo in considerazione questo, possiamo dire che i Sony PRS sono ancora gli ebook reader che consentono la migliore personalizzazione dell’esperienza di lettura, come abbiamo visto nella recensione del PRS 650.
Nel Nook Touch il reflow dei PDF è supportato con le stesse 6 dimensioni di font disponibili per il formato ePub e dà il meglio di sé su pagine semplici con molto testo e poche tabelle o grafici. In mancanza anche di zoom, la visualizzazione di PDF basati su immagini o fumetti non è delle migliori.

Per sfogliare rapidamente l’ebook ci sono diverse opzioni: il sommario, che elenca anche segnalibri e annotazioni, una barra di scorrimento, e il salto pagina (chiamando direttamente il numero di pagina che ci interessa).
A queste possibilità si aggiunge la nuova fast page feature, una funzionalità che, tenendo premuto uno dei due bordi del dispositivo, consente di sfogliare velocemente il libro elettronico proprio come si farebbe con un libro di carta.

Funzioni “social”
Il Nook Touch è ben integrato con i più importanti social network (come il Kobo Touch e, in parte, il Kindle 3 di Amazon): agevolmente possiamo condividere i passi di un libro che più ci piacciono con i follower di Twitter e gli amici di Facebook e, utilizzando Nook Friends (una sorta di social network basato su gruppi di amicizie) possiamo consigliare i libri e darli in prestito ad amici e parenti.

E ora ecco le due video recensioni


.

Considerazioni finali
Il Nook Touch sembra essere un buon prodotto,veloce e semplice da usare, ben integrato con l’offerta di libri e magazine digitali di Barnes&Noble e con un occhio di riguardo ai social network e alle loro funzioni di condivisione che da poco hanno iniziato a essere proposte sui lettori ebook (vedi anche il Kobo Touch).

Come scritto in un precedente nostro articolo, Consumer Report classifica il Nook Touch migliore del Kindle 3 di Amazon nella categoria degli ereader da 6 pollici.

Sulla valutazione di Consumer Report (che trovate qui) ci sono però alcuni interessanti commenti a difesa principalmente del Kindle 3 che, allo stesso tempo, evidenziano alcune mancanze del Nook Touch. Per esempio, i vantaggi del Kindle 3 sul Nook Touch sarebbero:
- lo zoom e la rotazione dello schermo in orizzontale (modalità portrait)
- il servizio online offerto da Amazon di conversione dei formati con il supporto ai documenti scritti in Microsoft Word
- il text-to-speech (lingua inlgese) e il supporto degli audiobooks.

Osservazioni riprese anche dal blog KindleWorld in questo bel post.

Da parte nostra cerchermo di seguire da vicino le vicende del Nook Touch, questo interessante dispositivo che qualcuno, lì fuori, ha già acquistato (non è vero? ;-) ) e riceverà tra qualche giorno.
Come sempre quindi vi invitiamo a condividere le vostre esperienze e domande utilizzando i commenti.

Fonti
Netbooknews
The Ebook Reader Blog
Specifiche Nook Touch
KindleWorld
Slashgear

Tags: ,
Trovato questo articolo interessante?
Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche di Google. Diffondere contenuti che trovi interessanti aiuta questo blog a crescere. Grazie!

32 Comments

  1. non riesco a capire come non abbiano pensato alla lettura in orizzontale.
    Il design e’ bello ,da quello che ho capito loschermo e’ identico al sony prs e al kindle 3 o no?
    2 cose non mi piacciono dei concorrenti:
    il design del sony (guardate anche i televisori sony non brillano per design)
    la tastierina del kindle (orribile e scomoda!).
    Comunque penso che entro 1 anno usciranno nuovi prodotti ,piu’ leggeri e piu’ sottili.

  2. @davide
    Stesso schermo del sony e del Kindle, ma sembra che B&N ne abbia migliorato il contrasto.

    La tastiera del Kindle invece è comodissima, te lo dico io che la uso sempre, molto più veloce di qualsiasi tastiera touchscreen.

    Non entro un anno: entro pochi mesi ;) (i sony arrivano ad agosto, il Kindle probabilmente a ottobre)

  3. comunque concordo che il design dei il design del sony è pessimo…

  4. Per la tastiera,non usandola,non mi interessa molto.capisco che e’un parere personale ma a me interessa il reader siolo per leggere libri.come fai sapere che i Sony surrogano ad agosto?questo blog ne ha parlato?

    • Simone Bonesini says:

      No Davide, per il momento non abbiamo parlato dei prossimi Sony ma sto seguendo la situazione (e’ difficile star dietro a tutto ;-) ). Su forum americani ci sono da tempo diverse discussioni in merito ma ultimamente il blog Good Read ha annunciato il rilascio dei nuovi modelli per agosto che dovrebbero avere il wifi e probabilmente Android come sistema operativo. I prezzi andranno dai 180 ai 300 dollari.. (a questo punto pero’ scriveremo anche un breve post sull’argomento).

  5. @Davide
    Ho scritto un articolo qui (www.kindleitalia.com) l’altro ieri; uscirà nel pomeriggio. Le informazioni sono più o meno quelle date da Simone, ma a darle è stato il responsabile Sony del settore ebook reader ;) .

  6. Pingback: E anche Google si tuffa nel mercato degli ereader | eBookReader Italia

  7. Bella recensione , come gia detto non vedo l’ora che mi arrivi!!

    Appena mi arriverà vi posteró tutte le informazioni

  8. Mi è arrivato ieri, tramite un collega che è andato negli US.

    Come esperienza di lettura è decisamente gradevole. Piacevole al tatto, molto leggero, schermo molto leggibile.

    Come funzionalità è molto spartano, non ha funzioni audio, e per ora non ha neanche un “vero” browser web (anche se qualcosa si vede “nascosto” nelle funzioni di ricerca)

    La carenza maggiore è la mancanza dello zoom per i pdf, lo rende praticamente inutilizzabile per i libri, riviste e fumetti scannerizzati.

    Nonostante queste carenze, mi sento di consigliarlo proprio per la qualità dello schermo e la maneggevolezza del dispositivo.

    • Simone Bonesini says:

      grazie Marco per queste tue prime impressioni !
      hai avuto modo di provare anche le funzioni “social” o sono legate riservate solo ai clienti americani ?

  9. Io ce l’ho da qualche settimana e mi trovo benissimo. Certo, l’ho comprato sapendo cosa voglio e cosa non mi interessa….tipo che me ne faccio di un browser web con un refresh pagina tipico di un e-ink?
    In realtà l’unica mancanza che sento è quella di integrare il dizionario inglese con un dizionario inglese-italiano (così prima o poi mi metto a leggere in inglese…) Nel frattempo leggo a più non posso, l’ho portato anche al mare e sono felicissima.

    • Ciao Marco,
      ho appena ricevuto anch’io il mio bel Nook, ma come hai fatto a superare la registrazione, come hai caricato altri ePub o PDF.

      Sono bloccato al 3° step della registrazione “Choose a Network to use” e non si muove da lì, davvero frustrante.

      Lorenzo

  10. blackhawkdown says:

    salve, mi è arrivato ieri mattina (All New Nook) e già non posso piu farne a meno .
    Mi è arrivato con la v1.0 e l’ho prontamente aggiornato (manualmente) alla v.1.0.1 (minor update) .
    La qualità dei materiali non è ai livelli Apple (niente alluminio anodizzato, niente vetro antibomba atomica), da quello che ho capito deve trattarsi di un display resistivo al quale è stato montato un sistema di rilevazione del tocco basato su tecnologia infrarossa (non che mi faccia impazzire ma di meglio non c’è d’altro canto) .
    La responsività del display è buona , se si considera il fatto che da un resistivo non puoi cavarne un capacitivo, pertanto lo reputo molto reattivo , tuttavia data la natura del display quel flettersi all’interno del film ad ogni mia pressione del polpastrello è un pò inquietante, abituato come sono ad operare su robustissimi Corning® Gorilla® Glass .
    IL recente update sembrerebbe aver apportato un miglior contrasto al display e migliorato in generale la responsività grazie (forse) ad una migliore gestione delle risorse di sistema, ram in primis .
    Un pò di me: sono un developer beginner , sto studiando il C++ e l’HTML (sono agli inizi) , se vi serve qualche cosa in piu da sapere chiedete pure . Stefano

  11. blackhawkdown says:

    a proprosito la CPU è una TI omap 3620 operante a 800mhz (in accordo con una fonte web che ha operato un teardown, non ricordo quale!), la quale essendo di tipo Soc (System On Chip) include anche un chip grafico della ImaginationTechnology (PowerVR) per la gestione avanzata di grafica 2D/3D .

  12. Simone Bonesini says:

    Ciao Stefano, benvenuto. Il touchscreen del nuovo Nook dovrebbe essere il sistema a raggi infrarossi di Neonode, se vuoi approfondire trovi qui maggiori info: http://www.neonode.com/products/

  13. blackhawkdown says:

    ciao Simone, ho trovato una nota su un vecchio teardown effettuato sul primo originale Nook; recitava che il nuovo Nook (All New Nook) monta un quantitativo di RAM 4 volte maggiore rispetto al primo modello , ora non so quanta ne abbia quest’ultimo, ma supponiamo avesse avuto 64mb … i calcoli m’indurrebbero a pensare che l’ultimo nato ne avrebbe circa 256mb , non male per un eBook reader .

  14. blackhawkdown says:

    si conosco il metodo ottico ma non mi piace, preferisco il capacitivo perchè il polpastrello interrompe un campo elettrico (immagina un flusso d’acqua) in cui gli elettroni sparati dai 4 angoli del display vengono deviati (come accadrebbe immergendo un dito in un corso d’acqua) dal dito , il sistema operativo individua in una frazione di secondo il punto in cui il campo di elettroni è stato interrotto trasmutando il segnale in X,Y assi .
    Il metodo ottico non contempla il riconoscimento biologico, se premessi con un pezzo di polistirolo funzionerebbe ugualmente (ma io non voglio questo!) mentre invece il capacitivo effettua 3 controlli prima di validare il comando:
    1. l’oggetto che mi tocca è un corpo conduttore? si/no
    2. la superficie interessata al tocco è >=0.8mm^2 ???
    3. il compiersi dell’azione (delay) avviene entro e non oltre tot secondi (millisecondi) ?

    • Rispondo:
      È stato usato un dispositivo a rilevazione IR perché in questo modo lo schermo risulta più bianco in quanto sul monitor non sono applicate ulteriori pellicole.
      Il vetro sarebbe stata una scelta stupida, sotto il sole sarebbe stato troppo riflettente.

      • blackhawkdown says:

        si Luca, il motivo di una scelta così drastica lo avevo intuito anch’io, il problema che mi pongo invece è un altro.. a mio sindacabile giudizio nessuno si è preso la briga di litografare un display direttamente nel materiale di rivestimento, voglio dire tale soluzione, per quanto assurda e avveniristica, spazzerebbe via ogni problema di sorta legato alla visibilità sotto la luce diretta del sole, avendo però il vantaggio di poter scegliere un materiale non riflettente che sia invece resistente agli urti; voglio dire che in fase di produzione se ci fosse una tecnica che permetterebbe al display di comunicare con la piastra madre (motherboard) senza fili con alimentazione del tipo short range , mi viene in mente l’alimentazione del toroide principale con quello secondario nei sistemi a ricarica contactless.. ma, non essendo un ingegnere elettronico non saprei se queste mie fantasticherie siano poi attuabili… in un (dico una sciocchezza) paio d’anni !

        • blackhawkdown says:

          dicevo (ho dimenticato di chiudere il pensiero) se ci fosse una tecnica in grado di litografare un display su qualsiasi superficie, ovvero incidere i pixel (con i loro led) direttamente nella scocca anteriore, potremmo usare perfino una ceramica come basamento del display, che per quanto ne so… è il materiale piu liscio (visto al microscopio) sul pianeta, trattato in un certo modo garantirebbe anche una certa resistenza e una
          bella sensazione al tatto .

          • Non credo che i produttori non prendano in considerazione tali opzioni, non sappiamo che tipo di prototipi abbiano nei loro uffici. Per i dispositivi che vendono devono abbassare i costi di produzione e sinceramente, se dovessi testare tecnologie di questo tipo mi rivolgerei prima a mercati più sviluppati e redditizi.

  15. blackhawkdown says:

    per tali ragioni il Wurstel dell’Aia è uno dei migliori stylus capacitivi che ci siano in commercio ^_^

    http://youtu.be/z2bI9uiyYt8

  16. Ho il nuovp Nook da alcune settimane e ne sono entusiasta. E’ perfetto per leggere narrativa, forse meno per materiale tecnico con grafici e tabelle, immagino ci voglia uno schermo più grande.
    Vorrei sapere se qualcuno sa come togliere dalla libreria del dispositivo i libri demo forniti dal produttore e magari pure i manuali d’uso che non servono vista la semplicità d’utilizzo.
    Non compaiono su Calibre e neppure cliccando sulle icone del dispositivo che compaiono sul computer. Grazie….

    • Il Nook non ce l’ho ancora, ma ho letto che si dovrebbe fare così: archivia i libri che vuoi cancellare, e poi cancellali dal tuo account sul sito B&N.

  17. Pingback: Bookeen presenta il Cybook Odyssey | eBookReader Italia

  18. arrivato dagli usa con consegnato.com da 20 gg è si è già impiantato; è fermo nella posizione sleeping e da li ne si sveglia ne si si spegna; qualcuno ha dei suggerimenti?
    grazie Flavio

  19. Interessante! Dalla sattimana prossima nuovo prezzo e nuovo aggiornamento firmware.
    Il nuovo prezzo sarà di 99 dollari!!
    Le nuove funzionalità aggiungeranno il multitouch come sugli ultimi sony e kindle, oltre a migliorie varie!!

    http://blog.the-ebook-reader.com/2011/11/03/99-nook-touch-incoming-plus-firmware-update-to-add-multi-touch-and-other-features/

  20. Preso ad ottobre dagli states…

    Finora, miglior acquisto nerd del 2011 :)

  21. Pingback: Bookeen Cybook Odyssey in vendita nei negozi italiani | eBookReader Italia

  22. Patrizia Lorenzetti says:

    Mio figlio me lo ha riportato dagli States nel 2010. Per una lettrice accanita come me è un regalo magnifico ma ci sono 2 aspetti negativi. Essendo di madrelingua inglese vorrei acquistare i libri da B&N in inglese ma non si può fare se non hai un indirizzo di residenzia negli USA. Poi, ho perso il caricatore USB e non riesco a reperirne un altro né quì, né in USA e quindi è lì inutilizzato per il momento. Spero di riuscire ad ordinarlo in qualche maniera.

  23. Pingback: nook love | Ex libris